Dani Alves resta in carcere: “Alto rischio di fuga”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Accusato di stupro, il calciatore brasiliano Dani Alves rimarrà in custodia cautelare in Spagna. Il suo ricorso è stato infatti respinto da un tribunale di Barcellona a causa di un “alto rischio di fuga”.

Dani Alves non lascia il carcere: “Elevato rischio di fuga”

“Il tribunale conferma la custodia cautelare” e “respinge il ricorso presentato dalla difesa”, si legge in un comunicato diffuso dalle autorità giudiziarie della Catalogna (nord-est).

Il tribunale sottolinea “l’elevato rischio di fuga” di Dani Alves “legato alla pesante pena che potrebbe essergli inflitta in questo caso” e ai suoi mezzi finanziari “che potrebbero consentirgli di lasciare la Spagna in qualsiasi momento” per tornare in Brasile, da dove non potrebbe essere estradato.

    Dani Alves, l’accusa di stupro e il carcere a Brians

    Dani Alves, 39 anni, è accusato di stupro da una giovane. L’episodio risalirebbe a fine dicembre, nei bagni di una discoteca di Barcellona. Dal 20 gennaio è rinchiuso nel complesso carcerario di Brians, situato a una quarantina di chilometri da Barcellona.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

    Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE