Membro del Collegio di Garanzia con maglia anti Juve, scoppia la bufera social. E lui: “Attacchi gratuiti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Con riferimento alle numerose ed insistenti invettive che circolano sui social network riguardanti la mia persona ed inerenti il mio ruolo” di membro del Collegio di Garanzia presso il Coni “chiamato a decidere sulla ‘vicenda Juventus‘ mi corre l’obbligo di operare alcune precisazioni”. Inizia così la nota dell’avvocato napoletano Manolo Iengo.

L’avvocato Iengo: “Offese che ritengo gratuite”

“In primo luogo, come per altro correttamente individuato dagli stessi autori dei sopra citati commenti denigratori, doveroso evidenziare che non appartengo a nessuna delle Sezioni Giudicanti, essendo invece membro della Sezione Consultiva del Collegio”.

“Per tali ragioni – aggiunge – in nessun caso potrei essere chiamato a far parte del Collegio incaricato a decidere sul ricorso presentato dalla Juventus. Proprio per questo motivo, ritengo offensive e gratuite – oltre che destituite del minimo fondamento – le affermazioni ed i commenti espressi sulla mia persona”.



    “I commenti sulla mia imparzialità e sulla mia integrità morale e professionale, considerazioni per altro basate su semplici immagini risalenti molti anni addietro, prive di ogni commento personale e per altro pubblicate in ambito strettamente privato e familiare”.

    La foto con la maglia: “Chi non salta è bianconero”

    I tifosi bianconeri hanno preso di mira Iengo per una foto di dieci anni fa, scattata tra l’altro in ambiti privati, senza alcun suo commento. Iengo indossava una maglia di un brand con la scritta “chi non salta è bianconero”. L’avvocato sta ricevendo diverse invettive e offese su profili social e chat private.

    “Lo sconcertante episodio segnalato – incalza il legale -, per altro non isolato ma che anzi coinvolge anche altri autorevoli colleghi anch’essi componenti del Collegio e come tali destinatari di accuse infondate e gratuite, costituisce un ulteriore segnale del clima poco sereno di questi giorni”.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    Scarcerato Emanuele Libero Schiavone uno dei figlio di Sandokan

    Emanuele Libero Schiavone ha concluso la sua condanna dopo 12 anni di carcere ed è tornato a Casal di Principe

    Napoli, fallito omicidio di via Cesare Rossaroll: arrestati in due

    In manette sono finiti Alfonso Attanasio, 26 anni e Giuseppe Catone di 42 anni: sono accusati del tentato omicidio di Giuseppe Verde

    La Guardia di Finanza ha segnalato 47 parcheggiatori abusivi tra Napoli e la provincia

    I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell'ambito di un'ampia operazione di contrasto all'economia illegale, hanno individuato e segnalato alle Autorità competenti 47 persone che svolgevano abusivamente l'attività di parcheggiatore o guardiamacchine. L'operazione, condotta in sinergia con le direttive del Prefetto di Napoli, Dr. Michele Di...

    Acerra, incendia un’auto e poi si ferma a guardare il rogo: arrestato

    Antonio Bruno, residente ad Acerra, è stato arrestato dai Carabinieri della locale stazione per il presunto incendio doloso di un'auto. L uomo di 40 anni, è attualmente detenuto nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. Una vettura Audi A4 è stata trovata avvolta dalle fiamme lungo corso Italia ad...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE