Scontri tra tifosi sull’A1, il gip spiega la dinamica: “Una guerriglia per annientare il nemico”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Gli scontri nell’area di servizio dell’A1 tra i tifosi del Napoli e della Roma sono stati “veri e propri atti di guerriglia intesi ad annientare il ‘nemico'”.

Scontri tifosi: il gip non convalida arresto dell’ultrà napoletano

Lo scrive il gip di Napoli, Ivana Salvatore, nell’ordinanza con la quale non ha convalidato l’arresto in flagranza differita di Antonio Marigliano, il 35enne tifoso del Napoli messo ai domiciliari all’indomani delle violenze avvenute nell’area di servizio Badia al Pino, in provincia di Arezzo.

Nel provvedimento non si parla degli antefatti e di un’eventuale pianificazione dello scontro, ma viene ricostruita la dinamica di quanto accaduto frutto di un’attività di osservazione della Polizia stradale e della Digos.

    Scontri tra tifosi, la dinamica dei fatti avvenuti sull’A1

    Secondo quanto si legge dell’ordinanza, nell’area di servizio Badia al Pino i tifosi del Napoli, “tra 250 e 300 persone”, sono arrivati a bordo di auto e van intorno alle 11.20. Hanno sostato nella parte esterna dell’area di servizio, senza entrare nei locali commerciali, “come se aspettassero qualcuno”.

    Quando si stava avvicinando l’orario di arrivo di un folto gruppo di tifosi della Roma (che si era precedentemente fermato nell’area di servizio di Montepulciano Est) gli ultras del Napoli si sono coperti il volto con sciarpe e cappelli ed hanno cominciato a raccattare sassi e altri oggetti in strada.

    Appena è giunto il convoglio romanista è iniziato il lancio di fumogeni, bombe carta, sassi, bottiglie e oggetti vari, provocando l’interruzione del traffico.

    “A loro volta – si legge nell’ordinanza – i tifosi romanisti, scesi dai veicoli, ponevano in essere condotte analoghe, dando vita a una vera e propria guerriglia tra contrapposte fazioni, nonostante la presenza di pattuglie di Polizia”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Vandali lanciano sasso contro autobus a Bacoli, nessun ferito

    Un recente episodio di vandalismo ha colpito nuovamente i mezzi di trasporto pubblico nella serata di ieri, nel Comune di Bacoli, situato nella provincia...

    Napoli, “Se non mi date i soldi vi uccido”, 5 studenti minacciati con un coltello da un presunto camorrista

    Nella recente rapina avvenuta a Napoli, 5 studenti ventenni sono stati minacciati da un individuo mentre si preparavano a riprendere l'auto parcheggiata in via...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE