Scontri tra tifosi su A1, nove indagati anche per attentato trasporti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sarebbero nove gli indagati dalla procura di Arezzo per gli scontri tra tifosi avvenuti lo scorso 8 gennaio lungo l’autostrada A1 nei pressi dell’area di servizio di Badia al Pino.

Nove indagati per scontri su A1: i reati contestati

La procura di Arezzo ha aperto un fascicolo per i reati di rissa aggravata, interruzione di pubblico servizio e attentato alla sicurezza dei trasporti.

Tra i nove tifosi indagati, tre sono sostenitori della Roma e sei del Napoli. Tutti sono già stati sottoposti al provvedimento del Daspo.

    Il numero degli indagati potrebbe aumentare

    I nove sono stati identificati nel corso delle indagini, coordinate dal pm Laura Taddei, grazia ad una comparazione tra i filmati delle telecamere di videosorveglianza dell’area di servizio ed i video circolati sui social in quelle ore realizzati dai cittadini, incrociati poi con immagini registrate allo stadio. Il numero degli indagati potrebbe aumentare.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Il Commissario Straordinario visita l’Istituto Comprensivo “Cilea – Mameli” di Caivano

    Il giorno precedente, il prefetto Filippo Dispenza, coordinatore della Commissione Straordinaria al Comune di Caivano, ha visitato l'Istituto Comprensivo "Cilea - Mameli" di Caivano,...

    ‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

    Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE