La Salernitana sprofonda: una devastante Atalanta fa 8 gol

SULLO STESSO ARGOMENTO

Buio pesto in casa Salernitana: i campani incassano una storica goleada contro una devastante Atalanta. Diventano sei per i granata le gare consecutive senza vittorie.

Salernitana, tonfo storico: l’Atalanta vince 8 a 2

Al Gewiss Stadium finisce addirittura 8-2 con la doppietta di Lookman e le reti di Boga, Scalvini, Koopmeiners, Hojlund, Ederson e Zortea, mentre a nulla serve il momentaneo pareggio ospite di Dia e il primo sigillo in Serie A di Nicolussi Caviglia.

La squadra di Gasperini si prende il secondo successo di fila, riagguantando immediatamente la Lazio al quinto posto a 34 punti, mentre gli uomini di Nicola, al sesto turno senza vittorie, restano fermi a quota 18 portando a casa un ko pesantissimo.

    Atalanta batte Salernitana 8-2, la cronaca della partita

    L’avvio di gara è scoppiettante e in appena dieci giri d’orologio le due squadre danno vita ad un bel botta e risposta: al 5′ apre le marcature Boga con un destro da fuori deviato da Nicolussi Caviglia, al 10′ risponde immediatamente Dia che non sbaglia davanti a Musso dopo la sponda di Piatek.

    Il match prosegue a ritmi altissimi e al 18′ la Dea trova l’episodio per tornare subito avanti: Fazio stende Hojlund al limite, Aureliano fischia prima punizione ma un controllo del Var evidenzia come il fallo inizi dentro l’area di rigore. Lookman va dal dischetto, Ochoa intuisce e tocca ma non evita il 2-1.

    Passano un’altra manciata di minuti e arriva anche il tris bergamasco, firmato da Scalvini con un bel colpo di testa su corner di Koopmeiners. La squadra di Gasperini non si ferma e a ridosso dell’intervallo trova addirittura altri due gol, chiudendo con largo anticipo la gara.

    Prima segna Koopmeiners, che si fa parare un rigore da Ochoa (altro fallo di Fazio su Hojlund), ma sulla ribattuta firma il 4-1, poi c’è gloria per lo stesso scatenato Hojlund che scappa in velocità alla difesa avversaria e con il mancino realizza il 5-1.

    Ad inizio ripresa, con un sussulto d’orgoglio, la Salernitana prova quantomeno a limitare i danni, soltanto che al 54′ arriva anche il sesto gol nerazzurro grazie alla doppietta di Lookman, che indovina un bel destro dal limite dell’area.

    La fiammata di Nicolussi Caviglia regala al ragazzo in prestito dalla Juve il primo sigillo in Serie A, ma serve a poco ai campani, che al 61′ incassano anche il settimo gol realizzato dall’ex Ederson con un’altra bella conclusione da fuori area.

    Nel finale ci sara’ spazio per il sigillo di un altro ex di turno, Zortea, il cui diagonale destro colpisce il palo prima di entrare in rete per il definitivo 8-2.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE