Napoli, omicidio giovane del rapinatore Ugo Russo: 8 febbraio udienza gip

SULLO STESSO ARGOMENTO

Omicidio volontario. Dopo tre anni di indagini, chiusa l’indagine sulla morte di Ugo Russo, il 15enne napoletano ucciso da un carabiniere 23enne libero dal servizio che stava rapinando a Napoli.

La procura ha chiesto e ottenuto la fissazione dell’udienza preliminare che si terra’ il prossimo mese, l’8 febbraio. Imputato il militare dell’arma Christian Brescia che aveva fatto fuoco  contro il ragazzo che poco prima con una pistola giocattolo senza il tappo rosso gli aveva portato via il Rolex.

Era il 29 febbraio 2020. Dalla perizia balistica e’ emerso che Ugo Russo e’ stato raggiunto da un colpo di pistola alla testa mentre scappava. Dunque il carabiniere, secondo la tesi dei pm, avrebbe fatto fuoco mentre il ragazzo era di spalle e non costituiva piu’ una minaccia. I sostituti procuratori Simone de Roxas e Claudio Siragusa hanno anche allegato alla richiesta non solo i dati tecnici delle perizie ma anche diverse intercettazioni telefoniche e ambientali, novita’ questa dal punto di vista investigativo.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE