Napoli, grave al Cardarelli il 15enne accoltellato da un coetaneo “recidivo”

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ in prognosi riservata e in pericolo di vita il 15enne accoltellato per futili motivi ieri sera a Scampia, da un 16enne.

Il giovane e’ stato trasferito d’urgenza all’ospedale Cardarelli di Napoli dove i medici lo hanno operato per contenere le emorragie di sangue causate dalle due coltellate all’addome inferte dal 16enne G.S. che poi si è costituito alla polizia.

L’aggressore era già stato coinvolto lo scorso 15 maggio nella rissa scoppiata sugli scogli di Marechiaro, a Posillipo, e che portò al ferimento di due giovani, un 16 enne e un 17enne, accoltellati da un 15enne suo amico legato ad ambienti malavitosi.



    L’aggressore G.s., accompagnato dal suo legale Giuseppe Caserta, ha raccontato agli agenti della squadra Mobile, la sua versione die fatti e ha fatto ritrovare il coltello utilizzato: era in un tombino ancora sporco di sangue.

    Con lui al momento dell’aggressione vi era un giovane amico, nei cui confronti per il momento non è stato adottato alcun provvedimento, perchè non poteva sapere delle sue intenzioni e che fosse armato.

    Era alla messa in prova: aveva partecipato alla maxi rissa sullo scoglione di Marechiaro

    L’aggressione è avvenuta per vendetta di un pestaggio subita da G.S. nei mesi scorsi da parte di un branco di cui faceva parte anche il ragazzino in fin di vita. Quello che sconcerta è che G.S. era alla messa alla prova partecipando ad corsi di recupero a scuola, dopo aver sfiorato il carcere per la partecipazione alla maxi rissa sullo scoglione di Marechiaro la scorsa estate.

     

    Leggi anche




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Giugliano, tocca un cavo scoperto: giovane rom di 21 anni muore folgorato

    Un giovane di 21 anni residente nel campo rom di Scampia è morto folgorato, dopo essere stato trasportato senza vita al pronto soccorso dell'ospedale San Giuliano di Giugliano dai suoi amici. Nonostante i tentativi di rianimazione da parte del personale medico, purtroppo non c'è stato nulla da fare. Gli agenti del commissariato di polizia di Giugliano sono intervenuti presso il nosocomio di via Basile e un'indagine sarà aperta per fare luce sulla vicenda. Al momento non...

    Caivano, casa trasformata in piazza di spaccio: arrestate due donne

    Valentina Cirico e Filomena Ambrosio, rispettivamente di 33 e 35 anni, avevano trasformato la casa in una vera e propria piazza di spaccio in cui ricevevano i clienti. I carabinieri stavano monitorando il continuo via vai di persone da quell'abitazione di Caivano e quando hanno capito che potevano trovare la droga sono intervenuti. Durante la perquisizione, infatti i Carabinieri hanno sequestrato 90 dosi di cocaina, 108 grammi della stessa sostanza da suddividere, 6 bustine di marijuana...

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE