Elezioni avvocati Torre Annunziata, D’Aquino: “Dopo le elezioni ritrovare l’unità”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tra gennaio e febbraio è programmato il rinnovo dei rappresentanti degli ordini forensi. A Torre Annunziata si voterà il 3 febbraio. Il momento per l’avvocatura non è dei migliori. Ne parliamo con l’avvocato Elio D’Aquino, noto penalista del foro di Torre Annunziata, già presidente della Camera Penale e vicepresidente dell’ordine degli avvocati oplontini.

Lei quest’anno non è candidato. Una scelta volontaria?
“No. In realtà si tratta di un rispetto delle regole. La Corte di Cassazione ha cristallizzato un orientamento che vede incandidabili gli avvocati eletti per due mandati consecutivi. Questo è il mio caso”.
Come sta vivendo l’avvocatura questa fase della politica forense?
“L’avvocatura vive uno dei momenti più bui della sua storia. Bisogna avere il coraggio di ammetterlo. Le ragioni sono profonde e affondano le radici in scelte strategiche assolutamente devianti che risalgono a qualche decennio fa, quando si preferì un accesso indiscriminato all’albo per questioni elettoralistiche o per rafforzare il potere contrattuale della lobby a livello nazionale, a scapito del prestigio e dell’autorevolezza che ha sempre contraddistinto la professione forense”.

Cosa sta provocando questa crisi?
“Negli ultimi anni si sono cancellati dall’albo numerosi avvocati, alcuni anche noti. Siamo oramai nell’ordine delle centinaia. In molti preferiscono soluzioni più pratiche, come l’ufficio del giudice del processo o l’assunzione in qualche cancelleria.



    Questo è il sintomo di un’avvocatura in affanno e di un delicatissimo momento storico. C’è inoltre crisi di rappresentatività e una difficoltà ad individuare punti di riferimento credibili, con ricadute esiziali nel rapporto con i Magistrati. Questo dato è incontrovertibile. L’unica eccezione è rappresentata dalla Camera Penale, che non ha perso la propria identità e continua ad essere protagonista di valorose battaglie”.

    In queste elezioni concorrono tre liste, lei sosterrà qualcuno in particolare?
    “Io sosterrò la lista guidata da Antonio Cesarano, in particolare quei candidati del territorio con cui ho condiviso un percorso di confronto iniziato già da tempo.

    E’ una scelta di lealtà verso valorosi colleghi che come me hanno aperto con le loro dimissioni un dibattito costruttivo all’interno dell’ordine. Ovviamente non si tratta di una scelta contro gli altri schieramenti, ma semplicemente di coerenza, principio che ha da tempo disertato le nostre esistenze.

    Io auspico che dopo queste votazioni l’avvocatura torrese saprà ritrovare unità e compattezza quale ultima possibilità di recuperare il prestigio perduto e soprattutto per continuare ad interpretare quel glorioso compito affidatoci dai padri costituenti”.

    Che ne pensa delle polemiche sul Ministro di Giustizia Nordio.
    “Sono con Nordio senza se e senza ma. Le grandi battaglie dei penalisti segnano nelle sue proposte di riforma finalmente un approdo.
    Nel frattempo, però, già iniziano le nuove sfide. Negli Stati Uniti gli imputati presto potranno difendersi da soli supportati da strumenti di intelligenza artificiale! Ma questa è un’altra storia!”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Corte dei Conti Campania: 326 controlli sugli enti locali nel 2023, criticità su Pnrr e sanità

    Nel 2023, la sezione controllo della Corte dei Conti per la Campania ha effettuato 326 controlli sugli enti locali, più del doppio rispetto al 2022, nonostante un organico ridotto. Il dato è stato reso noto dal presidente della sezione, Massimo Gagliardi, durante la cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario 2024. I controlli hanno riguardato principalmente la gestione di salute, ambiente, risorse idriche e cultura, con l'obiettivo di sviluppare il controllo democratico sui risultati e favorire l'autocorrezione da...

    Caserta, 18enne picchiato e chiuso in un bagagliaio: 4 arresti

    Un 18enne pestato, sequestrato e caricato nel bagagliaio di un'auto. I Carabinieri di Santa Maria Capua Vetere hanno arrestato 4 persone per i reati di lesioni personali aggravate, violenza privata e sequestro di persona. L'aggressione è avvenuta la notte tra il 21 e il 22 febbraio 2023. La vittima, un 18enne, si trovava in piazza De Michele a Macerata Campania con alcuni amici. Un gruppo di ragazzi lo ha aggredito, colpendolo con pugni al volto e...

    Camorra, chiusi i centri scommesse del clan D’Alessandro: 7 arresti

    Castellammare. Duro colpo all'economia illegale del clan D'Alessandro. Arrestati 7 affiliati e prestanomi della potente cosca camorristica che ha il suo quartier generale nel quartiere collinare di Scanzano. Grazie a una capillare indagine della Guardia di finanza di Castellammare, sotto il coordinamento della direzione distrettuale antimafia di Napoli sono stati individuati e chiusi centri scommesse. Le accuse nei confronti dei sette arrestati sono di associazione per delinquere,  trasferimento illecito di denaro, auto riciclaggio ed estorsione a...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE