🔴 ULTIME NOTIZIE :

Diffamazione a Salvini, a processo Roberto Saviano

Inizia mercoledì primo febbraio il processo che vede imputato lo scrittore Roberto Saviano per l'accusa di diffamazione ai danni di Matteo Salvini per alcun post pubblicati sui social. Il procedimento si svolge davanti al tribunale monocratico di Roma. La vicenda risale al 2018. "Mercoledì sarò in Tribunale, a Roma, portato...
google news

Casa troppo cara, ogni giorno bidella pendolare Napoli – Milano

Casa troppo cara, ogni giorno bidella pendolare Napoli – Milano. La storia di Giuseppina Giuliano […]

    Casa troppo cara, ogni giorno bidella pendolare Napoli – Milano.

    La storia di Giuseppina Giuliano che ogni giorno prende il Frecciarossa alle 5 da Napoli dove vive.

    E’ a una mezz’ora dalla stazione dove tutte le mattine alle 5 prende il Frecciarossa per arrivare a Milano dove lavora come operatrice scolastica al liceo artistico Boccioni dove il suo orario di lavoro è dalle 10:30 alle 17.

    Entrata di ruolo a settembre, “ho provato a cercare una casa che non costasse troppo, considerando che il mio stipendio mensile è di 1.165 euro” ha raccontato al Giorno, ma “mi sono resa conto che ormai a Milano è più facile trovare un ago in un pagliaio”.

    A Napoli Giuseppina, che ha 29 anni, vive con i genitori, la nonna e i suoi cani. “Questo mi permette di non avere ulteriori spese oltre a quelle del treno e per questo – ha aggiunto – mi ritengo molto fortunata” e riesce anche un po’ a risparmiare.

    Alle quattro si alza per andare in stazione e prendere il treno delle cinque, ogni giorno dal lunedì al sabato, poi per rientrare prende il Frecciarossa delle 18:20. Accumulando punti con i viaggi che fa e prendendo i biglietti con tanto anticipo “in definitiva il treno mi costa poco, circa 400 euro, mensilmente molto meno di una stanza in condivisione a Milano”.

    Certo “non ho perso la speranza e continuo a cercare una sistemazione qui”, “a scuola mi stanno aiutando tutti e questo mi riempie di gioia perché non mi sento abbandonata. Ma devo dire che mi sono anche un po’ demoralizzata per non essere ancora riuscita a trovare una sistemazione comoda e a un prezzo accettabile.

    Però proprio ora che sono diventata di ruolo – ha concluso – non posso assolutamente perdere l’opportunità di questo lavoro. Quindi, fino a quando non troverò qualcosa di adatto alle mie possibilità, andrò avanti così”.

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    LE ALTRE NOTIZIE