🔴 ULTIME NOTIZIE :

Accerchiato e rapinato al rione Conocal: il video virale sui social

Accerchiato, minacciato e rapinato della sua auto: serata da incubo per un'automobilista al rione Conocal di Ponticelli. Le immagini dell'assalto di 4 banditi armati di pistola sono stati girati da una delle tante persone perbene che abitano nella zona e che sono costrette a vivere rintanate in casa per evitare...

Camorristi col reddito di cittadinanza: 20 indagati

I carabinieri hanno effettuato anche un sequestro beni tra contanti e beni immobili per oltre 220 mila euro

    Camorristi e parenti stretti col reddito di cittadinanza: sequestro beni per oltre 220 mila euro e 20 indagati.

    E’ questo il risultato della complessa indagine dei Carabinieri del Gruppo di Torre Annunziata che stamane hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta di questa Procura della Repubblica, a carico di 20 persone.

    Tutte indagate in ordine ai reati di truffa aggravata per l’indebito conseguimento di erogazioni pubbliche e omessa comunicazione delle variazioni di informazioni dovute e rilevanti ai fini della revoca o riduzione del “reddito di cittadinanza“.

    Le indagini, condotte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Torre Annunziata e coordinate da questa Procura della Repubblica, hanno consentito di rilevare che gli indagati, tutti legati da vincoli di parentela ad esponenti di diverse consorterie criminali locali, avrebbero indebitamente percepito il beneficio del “reddito di cittadinanza”, nel periodo compreso tra i mesi di marzo 2019 e settembre 2021, per un importo complessivo pari a circa 220.000 euro.

    Nello specifico è emerso che gli stessi, nella domanda per accedere al beneficio o, in alcuni casi, anche successivamente alla sua presentazione, avrebbero omesso di comunicare all’INPS la propria situazione o quella di un familiare convivente ad una misura cautelare personale e, in un caso, la condanna di un congiunto convivente, con sentenza passata in giudicato, per reati di tipo associativo, inducendo così in errore l’Ente erogatore e percependo indebitamente, per il periodo oggetto delle indagini, somme di denaro non dovute ovvero in misura superiore a quella spettante.

    Nel corso dell’esecuzione del provvedimento sono state sottoposte a sequestro: 12 carte postamat per reddito di cittadinanza, 4 abitazioni, una quota societaria al 100%, del valore di 10.000 euro, 6 autoveicoli, 32 rapporti finanziari, la cui consistenza è in corso di accertamento presso i rispettivi istituti di credito, la somma complessiva di 17.000 euro in contanti, un assegno circolare del valore di 10.000 euro, un collier in oro.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Tratta dei migranti: arresti e perquisizioni in tutta Italia

    E' in corso una vasta operazione della Polizia di Stato, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Ancona, con arresti e perquisizioni, in tutta Italia,...

    Aceto in lavatrice: i trucchi per dare una svolta al bucato

    Come si può utilizzare l’aceto in lavatrice? Vediamo come usarlo per il bucato e per l’igiene profonda della lavatrice stessa. L’aceto in lavatrice può essere...

    Eav, passeggeri a piedi? Ecco cosa è successo su bus sostitutivo

    L'Eav ricostruisce e spiega quanto accaduto ieri sulla tratta Castellammare-Vico Equense dove un servizio autobus sostitutivo ha registrato problemi lasciando passeggeri a piedi, come...

    Milan, Pioli adesso rischia: i bookie puntano sull’esonero

    Prima la sconfitta in Supercoppa contro l'Inter, poi le goleade subite contro Lazio e Sassuolo, hanno costretto Stefano Pioli, tecnico del Milan, a dire...