🔴 ULTIME NOTIZIE :

Diffamazione a Salvini, a processo Roberto Saviano

Inizia mercoledì primo febbraio il processo che vede imputato lo scrittore Roberto Saviano per l'accusa di diffamazione ai danni di Matteo Salvini per alcun post pubblicati sui social. Il procedimento si svolge davanti al tribunale monocratico di Roma. La vicenda risale al 2018. "Mercoledì sarò in Tribunale, a Roma, portato...
google news

Scontri in autostrada: arrestati altri due ultras della Roma

Domani il processo con rito direttissimo del primo arrestato: Martino Di Tosto, 43 anni, che già in passato si era reso protagonista di incidenti e scontri tra tifosi

    La polizia ha arrestato, a Roma, altri due tifosi giallorossi in relazione agli scontri con i tifosi del Napoli verificatisi ieri sull’Autosole nei pressi dell’area di servizio di Badia al Pino, ad Arezzo.

    Mentre si analizzano le immagini riprese dalla scientifica che ha immortalato le targhe di decine di mezzi e in 24 ore il lavoro degli inquirenti ha portato a identificare quasi 200 persone.

    Tra i reati che potrebbero essere a vario titolo contestati, ci sono la rissa aggravata, interruzione di pubblico servizio e attentato alla sicurezza dei trasporti e della circolazione stradale.Domani si terrà ad Arezzo la convalida per direttissima dell’arresto del tifoso romanista ferito con arma da taglio e primo ad essere fermato: ha 43 anni, si chiama Martino Di Tosto e già in passato si era reso protagonista di incidenti e scontri tra tifosi.

    Sempre domenica, un’ottantina di supporter del Napoli sono stati identificati dalla Digos a Genova in occasione della partita allo stadio Luigi Ferraris, contro la Sampdoria. Un ultrà 22enne è stato denunciato dopo aver forzato un posto di blocco a bordo di un’auto che ospitava altri tre giovani napoletani che si stavano recando allo stadio muniti di spranghe.

    Mentre le indagini proseguono, arriva il monito dell’Associazione nazionale funzionari di polizia, che per bocca del segretario Enzo Marco Letizia sottolinea: “In tema di tifo violento non si deve mai abbassare la guardia. Con i teppisti ed i criminali delle curve è aberrante qualsiasi apertura di credito”.

    “Occorre rendere obbligatoria la tessera del tifoso, senza tentennamenti, per qualsiasi tipo di trasferta – aggiunge – inoltre, è necessario che le società, interrompendo ogni forma di ammiccamento, assicurino che i posti assegnati e numerati siano occupati dai soli titolari del relativo biglietto nominativo.

    Il controllo delle curve non deve essere lasciato nelle mani degli ultras e dei teppisti degli stadi, altrimenti episodi simili a quelli di domenica, in cui non c’è scappato il morto per pura fortuna, saranno destinati a ripetersi”.

     

    LEGGI ANCHE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    LE ALTRE NOTIZIE