Al via la raccolta delle arance della Reggia di Caserta per la ‘Marmellata delle Regine’ 2023

SULLO STESSO ARGOMENTO

Per il terzo anno consecutivo il Museo del MiC rinnova il suo impegno per il progetto di raccolta degli agrumi del Parco Reale e di produzione e commercializzazione di marmellata.

L’iniziativa è realizzata dalle donne del laboratorio “Le ghiottonerie di Casa Lorena”, Centro antiviolenza e all’interno di un bene confiscato alla criminalità organizzata a Casal di Principe, gestito dalla cooperativa EVA.

La Reggia di Caserta, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030, promuove l’economia circolare basata sulla riduzione degli scarti e si impegna nel contrasto dei fenomeni di emarginazione e marginalizzazione con un programma di sviluppo solidale.

    Gli agrumi del Bosco vecchio, del Giardino Inglese e della Flora, destinati fino a qualche anno fa alla naturale marcescenza in terra o allo smaltimento oneroso da parte del Museo, sono utilizzati per la ‘Marmellata delle Regine’.

    Grazie a un protocollo di intesa con la cooperativa EVA, impegnata in servizi di prevenzione e contrasto della violenza anche attraverso il riutilizzo di beni confiscati alle mafie, l’Istituto contribuisce ai percorsi di autonomia promossi dalla coop a favore di donne in uscita da situazioni di violenza e in condizioni di particolare difficoltà, cui sono destinati i proventi delle vendite delle conserve.

    E si prosegue con l’eccellenza. La quantità di frutta utilizzata, infatti, sarà superiore al 45%, come prescritto per le marmellate “extra” e non verranno aggiunti conservanti.

    Da quest’anno, poi, un altro prodotto naturale del Museo diventa linfa per una nuova iniziativa: con l’alloro del Parco reale verrà realizzata l’imbottitura di cuscini antidolore.

    Il lauro, ottenuto dalle potature degli alberi, una volta essiccato ha infatti proprietà calmanti e sedative ed è ideale per le terapie caldo/freddo utili per alleviare tensioni muscolari e dolori cervicali.

    All’interno dei cuscini, oltre all’alloro, saranno inserite vinacce, naturali conduttrici di calore, donate dall’azienda vitivinicola Aia delle Monache.

    La stoffa usata per le federe sarà canapone termico riciclato ed il confezionamento dei cuscini sarà a cura di EvaLab laboratorio sartoriale nato in un bene confiscato per offrire occupazione a donne coraggiose sopravvissute alla violenza gestito sempre dalla cooperativa EVA e sostenuto dalla Regione Campania.

    Per informazioni è possibile rivolgersi al numero 3387882114 o alla mail eshop@leghiottoneriedicasalorena.com.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Nola, fatture false: sequestrati circa 8 milion i di euro a società di commercio alcolici

    Stamane i militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice...

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE