Camorra, sequestro beni per 4 milioni di euro al clan Sangermano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nel prosieguo delle attività di indagine patrimoniale nei confronti di soggetti considerati affiliati al clan Sangermano, consorteria criminale operante nell’agro nolano, i carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, all’esito di ulteriori approfondimenti, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo del G.I.P. di Napoli su numerosi rapporti finanziari, per un valore di più di 4 milioni di euro e su 9 immobili, tra terreni e fabbricati, per il valore di 2 milioni di euro, circa.

Il 3 novembre scorso, i carabinieri avevano dato esecuzione a un provvedimento di custodia cautelare a carico di 25 persone ed avevano posto sotto sequestro il patrimonio illecitamente accumulato del clan, del valore stimato di 30 milioni di euro, tra beni mobili ed immobili, società, rapporti finanziari e denaro contante.

L’aggressione ai patrimoni illeciti della criminalità organizzata rimane uno dei principali obiettivi da perseguire da parte di magistratura e forze dell’ordine.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

‘Babas, memorie di un cane rosso’, Stella Cervasio presenta il suo ultimo libro al Vomero

Una donna e un incrocio di molosso sono i protagonisti di una storia speciale di amicizia, basata su rispetto e protezione. Il libro "Babas, Memorie...

Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

Il Faro di Annalisa, un proiettile diventa fonte di luce

Si è tenuta stamane la terza giornata di premiazioni del Concorso scolastico nazionale “Il Faro di Annalisa”, dedicata alle scuole secoondarie di secondo grado....

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE