Napoli, controlli della Polizia locale sui bus turistici

SULLO STESSO ARGOMENTO

La Polizia Municipale di Napoli, nell’ultimo fine settimana nel dar seguito alla recente ordinanza, che ha previsto il divieto di circolazione nel Centro Storico per gli autobus turistici.

Divieto in vigore nei giorni festivi e prefestivi fino all’8/1/2023, e l’istituzione di aree per la sosta riservate e spazi per la fermata, al fine di consentire la salita e la discesa dei passeggeri, ha disposto diverse postazioni di controllo per garantire il rispetto delle regole sul territorio cittadino.

Il controllo di 49 autobus turistici ha consentito di accertare e sanzionare 36 irregolarità per violazioni al Codice della Strada di cui  6 a conducenti di autobus che venivano sorpresi all’interno della zona interdetta dall’Ordinanza senza la prescritta autorizzazione.



    Nell’ambito del trasporto pubblico non di linea sono stati intensificati i controlli sul territorio cittadino, in concomitanza con l’incremento di presenze turistiche che caratterizza il periodo natalizio. I controlli nelle zone del Centro Storico e degli scali aeroportuale, ferroviario e portuale hanno permesso di accertare che nove conducenti di veicoli adibiti a noleggio con conducente circolavano sprovvisti del foglio di servizio attestante la prenotazione del trasporto.

    Per tale infrazione i veicoli sono stati sottoposti a fermo amministrativo ed i trasgressori hanno ricevuto la sanzione di 173 euro. Due conducenti di veicoli adibiti a noleggio con conducente sono stati sorpresi a svolgere l’attività con il certificato di abilitazione professionale scaduto di validità, mentre un terzo trasgressore conduceva un veicolo non sottoposto alla prescritta revisione annuale.

    Sei conducenti di auto immatricolate ad uso proprio sono stati intercettati mentre svolgevano abusivamente l’attività di noleggio con conducente, effettuando dei servizi di transfer di turisti diretti dall’aeroporto verso alcune strutture extralberghiere del centro storico. I veicoli sono stati sottoposti a fermo amministrativo.

    Tre conducenti di taxi sono stati sanzionati per aver trasgredito alle prescrizioni del regolamento comunale. In particolare, uno è stato sorpreso a svolgere il servizio fuori dal proprio turno, un altro non aveva esposto a bordo il tariffario a disposizione dell’utenza ed il terzo perché aveva richiesto una tariffa ingiustificatamente maggiorata.

    Inoltre due tassisti sono stati verbalizzati per non aver sottoposto i veicoli alla prescritta revisione annuale e altri due sono stati sanzionati per essersi rifiutati di accettare il pagamento elettronico, tramite pos, delle corse effettuate. Le infrazioni commesse dai tassisti sono state segnalate all’ufficio comunale competente per l’irrogazione delle sanzioni disciplinari.

    Nella zona della Stazione Centrale di Piazza Garibaldi pattuglie del reparto motorizzato del Gruppo Intervento Territoriale congiuntamente a personale dell’Esercito Italiano hanno effettuato controlli per il contrasto alle infrazioni al Codice della Strada effettuando n. 24 controlli e 6 verbali per varie infrazioni quali l’assenza di copertura assicurativa, la guida senza casco protettivo, irregolarità dei documenti di circolazione, soste ed altre condotte illecite, oltre al fermo/sequestro amministrativo di n. 1 veicolo e alla rimozione di 5 veicoli con carro gru.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Gianni Forte dopo le rapine riapre il punto gioco e chiede un “decreto Barra” come Caivano

    L'imprenditore Gianni Forte ha riaperto il suo punto gioco in via Luigi Volpicella, quartiere Barra, dopo averlo chiuso a causa di una escalation di rapine. Forte aveva promesso di riaprire solo se lo Stato avesse dato una risposta immediata e concreta alla sua protesta. ''Avevo promesso la riapertura in caso di una riposta immediata dello Stato. E la riposta c'è stata. La presenza, oggi, delle istituzioni, testimonia la volontà di essere concretamente al fianco degli imprenditori....

    Napoli, Città Metropolitana da ok a manutenzione impianti videosorveglianza nelle scuole

    La Città Metropolitana di Napoli approva interventi di manutenzione degli impianti di videosorveglianza e tecnologici nelle scuole superiori di sua competenza. Gli accordi firmati prevedono un finanziamento totale di 4,7 milioni di euro per garantire la sicurezza e il corretto funzionamento dei sistemi tecnologici presenti negli edifici scolastici. Oltre alle telecamere di videosorveglianza, verranno interessati anche altri impianti come quelli elettrici, antincendio, di rilevazione fumi e trasmissione dati. L'impegno della Città Metropolitana è quello di ottimizzare la...

    Camorra a Genova, chiesti 16 anni di carcere per il figlio del boss latitante Cinquegranella e soci

    Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto condanne per oltre 14 anni per le sei persone coinvolte nell'inchiesta sulla gestione del bar Libeccio, sul lungomare di Pegli a Genova. L'accusa iniziale contestava l'aggravante di aver favorito la camorra, poi decaduta. A fine ottobre Angelo Russo è stato arrestato (richiesti 5 anni), mentre Mario Russo (2 anni e 10 giorni), Francesco Cinquegranella (3 anni e 4 mesi), è il figlio del boss latitante da oltre venti anni,...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE