Emergenza clima: il 2022 anno nero per la Campania

SULLO STESSO ARGOMENTO

In Campania nel 2022 aumentano del +35% gli eventi estremi rispetto allo scorso anno. La Provincia di Salerno record con aumento +175% seconda provincia d’Italia dopo Roma

Legambiente: “ Un clima da paura con eventi estremi che mettono a repentaglio la vita dei cittadini causando gravi danni al territorio. E’ urgente un deciso cambio di passo nella lotta alla crisi climatica attraverso politiche climatiche più ambiziose e interventi concreti non più rimandabili.”

Il 2022 è stato un anno nero in Campania per il clima, segnato da un’accelerazione degli eventi meteo che hanno provocato tanti danni e vittime. Alluvioni, ondate di caldo anomalo e di gelo intenso, frane, mareggiate, siccità, grandinate non hanno risparmiato la nostra regione.



    Nel 2022 la Campania ha registrato un incremento del +35% di casi rispetto al 2021, parliamo di 23 fenomeni estremi che quest’anno hanno provocato impatti e danni. Nello specifico si sono verificati 17 casi di allagamenti e alluvioni da piogge intense, 4 casi di danni da trombe d’aria e raffiche di vento, 1 evento da grandinate, 1 evento con l’interessamento di infrastrutture.

    Molti gli eventi che riguardano due o più categorie, ad esempio casi in cui esondazioni fluviali o allagamenti da piogge intense provocano danni anche alle infrastrutture. Nel 2022 sono aumentati, rispetto allo scorso anno, i danni da allagamenti e piogge intense che passano da 10 nel 2021 a 17 nel 2022 (+70%), i danni da trombe d’aria e raffiche di vento, che passano da 2 nel 2021 a 4 nel 2022 (+100%).

    Tra le province, quella di Salerno registra un incremento record +175% passando da 4 eventi meteo-idro del 2021 agli 11 del 2022, risultando la seconda provincia d’Italia più colpita dopo Roma. Legambiente presenta i dati di bilancio dell’Osservatorio Città Clima , realizzato in collaborazione con il gruppo Unipol, e sintetizzati nella mappa del rischio climatico.

    “La fotografia scattata dal nostro Osservatorio CittàClima – dichiara Mariateresa Imparato, presidente regionale di Legambiente – ci restituisce un quadro preoccupante di un anno difficilissimo, concluso con le notizie sulle temperature primaverili di fine dicembre in Italia, sulla tragedia di Casamicciola.

    Un clima da paura con eventi estremi che mettono a repentaglio la vita dei cittadini causando gravi danni al territorio. E’ urgente un deciso cambio di passo nella lotta alla crisi climatica attraverso politiche climatiche più ambiziose e interventi concreti non più rimandabili.

    A tal riguardo l’associazione ambientalista, tra le azioni urgenti da mettere in campo, chiede l’approvazione in tempi rapidi del Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici aggiornato e pubblicato nei giorni scorsi sul sito del Mase, e che ora dovrà essere oggetto di consultazione pubblica secondo quanto previsto dalla procedura di Valutazione Ambientale Strategica.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Valorizzazione dei luoghi di culto e didattica attraverso l’arte a Napoli

    La Scuola di Alta Formazione di Arte e Teologia (Safat) della Pontificia Facoltà Teologia dell'Italia Meridionale (Pftim) presenterà due importanti eventi presso l'Aula Magna della Pftim - Sezione San Luigi a Napoli. Convegno su "Oasi nelle città, recupero e valorizzazione dei luoghi di culto" L'8 marzo si terrà il convegno che tratterà del recupero e della valorizzazione dei luoghi di culto. L'evento sarà un'occasione per approfondire metodi innovativi per la didattica dell'arte e per discutere su...

    Mostra a Napoli: ‘A 80 anni dalle Quattro Giornate’

    A Napoli è stata inaugurata la mostra "A 80 anni dalle Quattro Giornate. Sguardi su Napoli e la Campania nelle relazioni italo-tedesche dall'alleanza dell'Asse all'occupazione nazista dell'Italia (1936-1943)". L'esposizione, che resterà aperta al pubblico per due mesi, si tiene presso il Chiostro monumentale del Complesso di S. Maria La Nova. Il progetto espositivo, finanziato dal "Fondo per il Futuro" del ministero degli Esteri della Repubblica Federale di Germania, è curato dal Dipartimento di Studi Umanistici...

    Massa Lubrense, dichiarazione infedele: sequestro beni al titolare della “Fattoria Marecoccola”

    Il Gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata ha eseguito un decreto di sequestro preventivo relativo a un'imprenditore indagato per dichiarazione infedele. Il sequestro, di 142.135 euro, è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della Procura della Repubblica. L'imprenditore in questione è il titolare della ditta "Fattoria Marecoccola" con sede a Sorrento. Il sequestro è scaturito da verifiche fiscali condotte dalla Guardia di Finanza di Massa...

    Giallo sulla spiaggia di Capaccio: resti di un piede umano trovati da un turista

    Giallo a Capaccio Paestum, dove ieri mattina sulla spiaggia di Licinella, è stato fatto il macabro ritrovamento di resti ossei in riva al mare. Un...

    Forte scossa di terremoto ai Campi Flegrei: avvertita dalla popolazione

    Una forte scossa di terremoto si è registrata alle 10 di oggi, domenica 3 marzo nella zona dei Campi Flegrei. La scossa è stata...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE