Operaio morto nel Casertano: Cgil, basta vittime, controlli assenti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Operaio morto nel Casertano: Cgil, basta vittime, controlli assenti. Sindacalista denuncia: pochi ispettori del lavoro a Caserta

“La morte di Francesco Petito ieri in un cantiere di Casal di Principe è assurda, non la si può accettare”.

Così in una nota la segretaria della Fillea-Cgil di Caserta, Irene Velottim interviene sull’incidente mortale che ha coinvolto il 49enne operaio edile di Cesa (Caserta), sposato, due figli, caduto da un’altezza di cinque metri in seguito al cedimento del tetto durante un sopralluogo su un capannone industriale. Nel mirino della Velotti i controlli che mancano.

    “La provincia di Caserta resta un territorio poco presidiato – denuncia la sindacalista – soprattutto per quello che riguarda i controlli degli organi ispettivi circa la sicurezza nei cantieri edili. Le assunzioni di migliaia di ispettori del lavoro potrebbero ogni giorno evitare dei morti, ma le promesse di porre mano alla carenze di organico non sono mai state mantenute. Se ci fossero gli adeguati controlli e le dovute sanzioni – ribadisce la Velotti – si potrebbe evitare ad una moglie di restare vedova, a dei figli di restare orfani o a dei genitori di perdere un figlio.

    Francesco noi lo conoscevamo bene da anni – ricorda la segretaria casertana dei lavoratori edili – era uno di noi, un lavoratore attento, scrupoloso nel dovere ed esigente nel diritto. Era un lavoratore esperto, che lavorava da anni nel settore edile e da sempre contrario ad accettare proposte di lavoro non in regola, e per questo ci contattava sempre per verificare la sua posizione retributiva e contributiva, era diventato un nostro amico, se non ci chiamava lo chiamavamo noi.

    Questa tragedia colpisce il nostro sindacato, la Fillea-Cgil, nel profondo per l’amicizia e la stima che tutti noi avevamo per Francesco. Saremo a fianco dei familiari per garantire loro il massimo della tutela”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Camorra, il boss pentito Pasquale Cristiano: “Ci fu un summit di 30 persone per decidere di eliminarci”

    La faida di camorra che nei mesi scorsi ha insanguinato le strade di Arzano e dei comuni vicini aveva trovato il suo apice nel...

    Agguato a Scampia: feriti il capo piazza Giancarlo Possente e un amico

    I feriti sono Giancarlo Possente, capopiazza alla "33" per conto degli Abbinante e Pasquale Parziale ritenuto vicino alla Vanella Grassi

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE