A Ponticelli uno spettacolo sulla violenza contro la donna

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Ponticelli uno spettacolo sulla violenza contro la donna.  Una mattinata dedicata alla sensibilizzazione sul delicato tema, con la partecipazione di alcuni ospiti speciali.

Mercoledì 23 novembre al Teatro Bellavista di Ponticelli (Napoli) si terrà un incontro in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che ogni anno si celebra il 25 novembre. Si tratta di una mattinata dedicata alla sensibilizzazione sul delicato tema, con la partecipazione di alcuni ospiti speciali.

In primo luogo Anna Mastellone, Presidente dell’Associazione Incontriamoci Strada Facendo, che si occupa di tematiche ambientali, culturali e sociali. Poi Eduardo Castaldo, direttore di Tropp Fun Radio, la neonata prima Radio Interscolastica d’Italia. Sarà soprattutto l’occasione per presentare al pubblico lo spettacolo Cicatrici, che andrà in scena proprio al Teatro Bellavista venerdì 6, sabato 7 e domenica 8 gennaio 2023. E’ un monologo scritto da Cristina Granchelli, diretto da Maria Autiero, interpretato, sceneggiato e prodotto da Giovanni Chiacchio.



    Il protagonista di Cicatrici è il pittore Giovanni, che comincia un dialogo con un amico – altri non è che se stesso – rivelando le paure che prova verso la sua nuova relazione. Non è tanto il timore per il nuovo rapporto in sè a inquietare Giovanni, quanto il non sentirsi adatto, il timore di ferire nuovamente una donna che già porta sulla pelle della sua anima cicatrici mai rimarginate. Queste cicatrici, sottolinea Giovanni Chiacchio, interprete unico dello spettacolo, “sono il vero oggetto della fobia di Giovanni, che vive come un funambolo in bilico, accompagnato perennemente dalla paura di cadere. Le cicatrici sono ferite che anche il protagonista conosce bene, poichè da piccolo si è ferito su del filo spinato”.

    Giovanni Chiacchio è un giovane attore, regista e speaker, che ricordiamo nella compagnia I Filodrammatici e più di recente nel duo dei Senza Regole. Cicatrici è un progetto particolarmente sentito visto il tema trattato, e sarà sul palco del Bellavista nei giorni 6, 7 e 8 gennaio.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono persone imparentate con i capi del clan Contini-Bosti, la potente organizzazione criminale della zona, fondatrice dell'Alleanza di Secondigliano Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile, dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale. Sono state accertate 17 occupazioni abusive di alloggi popolari. In alcuni casi, gli appartamenti erano stati occupati da parenti...

    Roma, ‘Incontri d’Autore’ al mercato Tufello tra gastronomia e solidarietà

    Continua tour progetto: ecco prossime le tappe fino evento finale del 12 maggio

    Riqualificazione della Galleria Ottocentesca sotto l’Acropoli di Velia

    Una galleria ferroviaria ottocentesca, situata a sessanta metri sotto l'acropoli di Velia, presto diventerà un deposito accessibile ai visitatori grazie a un progetto di riqualificazione. Il direttore del Parco archeologico di Paestum e Velia, Tiziana D'Angelo, ha spiegato che la galleria, un tempo in uso per collegare Battipaglia a Reggio, è stata trasformata in deposito per reperti archeologici rinvenuti nella zona. Tuttavia, a causa di problemi di accessibilità e conservazione del patrimonio, era necessario intervenire. Con...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE