🔴 ULTIME NOTIZIE :

Fondazione Angelo Vassallo: “No alla realizzazione della Bretella Agropoli-Eboli”

“Come Fondazione Angelo Vassallo siamo completamente contrari al progetto promosso dall’Anas di un collegamento stradale veloce tra l’autostrada A2 e la variante alla statale 18 ad Agropoli. L’aspetto che più ci lascia perplessi è la consapevolezza che l’opera che si intende realizzare si inserisce in un contesto naturalistico di...

Sharks Land, il nuovo singolo di PlatoNico

Un viaggio in musica che racconta la disgregazione interiore come mezzo per ricongiungersi con se stessi

    Sharks Land, il nuovo singolo di PlatoNico. Un viaggio in musica che racconta la disgregazione interiore come mezzo per ricongiungersi con se stessi

    Dopo aver dimostrato l’intensa emozionalità della sua penna in “28 Aprile”, la grinta da fuoriclasse e la potente caratura della sua voce in “Vita Stretta” e l’incantevole connubio di suggestione e trasversalità in “Le Tue Fragilità”, il poliedrico artista ravennate classe ’98, torna in radio e nei digital store con un patchwork di suoni, liriche e stili che mette in luce un’ulteriore peculiarità del suo percorso tra le note, quella di rimanere fortemente riconoscibile e identificativo, indipendentemente dalla tematica affrontata e dal tappeto sonoro su cui si posa ogni sua release.

    Ulteriore dimostrazione del suo eclettismo, è senza dubbio la scelta, per questo nuovo pezzo, della lingua inglese, che meglio si adatta alla dimensione elettro-pop, magistralmente intrisa di tinte ambient, in cui si innesta un testo dall’immediato e fortissimo impatto, capace di scandagliare pensieri, sentimenti e stati di dissociazione psico-emotiva in meno di 3.30 minuti di profonda immersione in se stessi.

    E se in “Le Tue Fragilità”, l’amore rappresentava la chiave per aprire il lucchetto della leggerezza e le porte del cuore, in “Sharks Land”, letteralmente “Terra degli Squali”, la mente simboleggia al contempo rifugio e trappola per quei demoni e quei peccati che ci allontanano dalla nostra identità, facendoci sentire ingabbiati in un corpo e in un’anima che fatichiamo a riconoscere – «Feeling like a stranger to myself» («Mi sento come estraneo a me stesso») -.

    «”Sharks Land” – dichiara PlatoNico – racconta la storia di una persona che si sente esclusa dal mondo e senza un obiettivo. É il crollo emotivo che si avverte quando ci si pone troppe domande sulla propria esistenza ed è la sintesi di un periodo molto cupo che io stesso ho attraversato, un periodo in cui mi ero perso dentro la mia mente».

    Vuoti e ferite dell’anima, nati e prodotti dal conflitto interiore tra «a white mind and a black soul» («una mente bianca e un’anima nera»), che ci portano a credere di non voler più provare emozioni – «trying to fight against the world» («sono così stanco di tutti questi sentimenti») – di desiderare una totale asetticità del cuore. Ma nel tumultuoso tragitto del nostro essere, attraversando cieli e stagioni diverse, quella sensazione di smarrimento, di desolazione e di allontanamento dalla nostra vera essenza – «I can’t find my way back home» («Non riesco a trovare la strada per tornare a casa») – può essere colta come un alert, un segnale per cambiare le cose, partendo dalla concezione che abbiamo di ciò che siamo, per ritagliarci, con le nostre stesse mani, un posto nel mondo, smettendo di combatterlo ed iniziando a viverlo.

    Dal suono deflagrante del temporale in apertura, alla chiusa lenta ma decisa, passando per strofe e bridge psichedelici e ritornello galvanizzante, “Sharks Land” è una catarsi elettro-pop-rock che consente all’ascoltatore di spogliarsi da ansie e paure, da tutti quegli auto sabotaggi che, spesso, la psiche ci induce ad attuare come meccanismo di difesa al cambiamento, una trasformazione che risulta però necessaria per liberarci da quello stesso “Io” che ci intrappola dall’interno, da quelle ombre che, se non scegliamo di dissolvere e dissipare, continueranno ad impedirci di far risplendere il sole che vive dentro ciascuno di noi, al punto che «The fullmoon will turn to eclipse» («La luna piena si trasformerà in eclissi»).

    Il brano è accompagnato dal videoclip ufficiale, dal forte valore figurativo, diretto da CREG Production e girato a Milano, che traspone sul piano visivo il profondo significato del testo.

    Guarda il video

    Con “Sharks Land” PlatoNico torna a dar voce al ragazzino timido ed introverso che, con il desiderio di emergere dalle ceneri del proprio passato, canta al mondo la sua storia per sfogare emozioni represse e trasformarle in un nuovo inizio del meraviglioso viaggio che ognuno di noi compie nel proprio microcosmo interiore.

    Biografia
    PlatoNico, al secolo Nicolas Neri, è un cantautore italiano nato in provincia di Ravenna il 03/03/1998. Cresciuto da solo con la madre, ha attraversato un’infanzia e un’adolescenza particolarmente difficili, trovando nella musica e nella scrittura, tra microfono, batteria e penna, una valvola di sfogo da cui sfogare il suo malessere interiore. Solitario, timido, introverso e dotato di una spiccatissima sensibilità, trova nel rifugio della musica il desiderio di emergere dalle proprie ceneri, di urlare al mondo le sue intenzioni e di trasformare il dolore in un nuovo inizio. Nel 2021 pubblica “28 Aprile”, la sua prima release ufficiale, che gli consente di dimostrare l’intensa emozionalità della sua scrittura, a cui seguono, nel 2022, l’energica “Vita Stretta” e la suggestiva “Le Tue Fragilità”. Pochi mesi più in là, PlatoNico firma il suo primo contratto discografico con la label meneghina PaKo Music Records, con la quale pubblica, nel mese di Ottobre, “Sharks Land”, una catarsi elettro-pop-rock, scritta e interpretata in lingua inglese, magistralmente intrisa di vividissime tinte ambient, che affronta con l’assoluta e potentissima delicatezza dell’esperienza vissuta, la tematica dell’isolamento, della solitudine e della dissociazione psico-emotiva, raccontando la disgregazione interiore come mezzo per ricongiungersi a se stessi e consentendo all’ascoltatore di spogliarsi da ansie, paure ed auto sabotaggi, per riscoprirsi e ritrovarsi con le proprie meravigliose peculiarità personali. Versatile, emozionante e fortemente riconoscibile, PlatoNico si trasforma rimanendo sempre fedele a se stesso, in un percorso tra le note fatto di sperimentazione, fusioni di generi e stili, anima e cuore.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Spezia, Gotti: “Nove assenze sono tante, ma con Napoli daremo tutto”

    Impegno proibitivo e per di più con la rosa decimata per lo Spezia che domani incontra il Napoli, capolista indiscusso del campionato. "Mancano nove...

    Agguato ad Alatri: è morto Thomas Bricca. Quattro i sospettati

    Thomas Bricca, il 18enne ferito da un colpo di pistola due notti fa ad Alatri, non ce l'ha fatta. Il giovane, ricoverato in gravissime condizioni...

    Suor Orsola Benincasa, 5 anni dei suoi Master in Teatro

    Il Master in Teatro, pedagogia e didattica dell’Università Suor Orsola Benincasa festeggia al Teatro Diana con Ivan Cotroneo e Massimiliano Gallo i suoi primi...

    Angri, bar utilizzato per spacciare droga: arrestato gestore

    Un bar utilizzato per spacciare droga. E' quanto scoperto ad Angri dai Carabinieri della sezione operativa del Reparto territoriale di Nocera Inferiore nel corso...