Premio Napoli Città della Musica a Gigi D’Alessio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Premio Napoli Città della Musica a Gigi D’Alessio. “Dopo 30 anni i ragazzi di oggi mi cantano ‘Annare’

Il riconoscimento è stato assegnato “sulla base delle indicazioni pervenute alla commissione Cultura che, su proposta del consigliere Gennaro Demetrio Paipais, ha candidato in prima battuta Gigi D’Alessio per il trentennale della sua carriera, celebrato recentemente anche attraverso una diretta Rai seguita in tutto il mondo”.

“È un riconoscimento importante – ha proseguito – ma soprattutto anche una grande responsabilità perché parliamo del monumento, il monumento è la canzone. Molti dicono ‘sono io che porto la canzone napoletana in giro per il mondo’.



    Non è così: è la canzone che porta noi a girare il mondo, perché la canzone è più importante di noi. Io sicuramente sono onorato di ricevere questo riconoscimento, ma soprattutto sento il peso della responsabilità anche perché i miei predecessori, gli artisti che hanno fatto la storia della canzone napoletana e quelli che faranno la storia della canzone napoletana sono colleghi importanti. Mi sento un po’ lusingato perché viene subito dopo lo spettacolo che abbiamo fatto a piazza del Plebiscito che è stato un trionfo. Un poker di successi perché è stato un successo in televisione, sui social, di critica e di pubblico”. E sugli ultimi lavori ha evidenziato: “L’esperimento che ho fatto con ‘Buongiorno’ prendendo canzoni mie di trent’anni fa e fare dei featuring con i rapper, gli urban, la nuova scena del rap napoletano, è stata una bella sfida. Però cosa è successo? Attraverso questo album i ragazzini di 14 anni di oggi conoscono le canzoni di trent’anni fa”.

    “La difficoltà più grande che ho – ha confessato D’Alessio – è fare le scalette perché ho tante canzoni. Prima, a differenza di oggi, faceva successo tutto l’album. Era un album con 12 canzoni, erano 12 canzoni di successo. Oggi si parla di singoli. È un po’ come il prodotto usa e getta: fai il singolo, dura 3 mesi e poi sparisce. Se a distanza di trent’anni posso dire che potrei fare il pianista del pubblico quando vado a fare un concerto, diventa difficile dire quale canzone potrebbe ancora vivere tra tanti anni. Per il momento posso dire che sono tanti anni e quando vado a cantare sono loro che ricordano le parole a me”.

    Su un duetto a Sanremo con il figlio ha le idee chiare: “Luca deve andare avanti con le proprie forze. Non sarebbe giusto nei confronti degli altri perché magari chi non è figlio di non può avere l’opportunità? Io non sono stato figlio di nessuno e sono andato avanti. Luca deve capire anche quando sbaglia, deve sbagliare perché solo quando sbagli capisci gli errori dove stanno. Altrimenti se tu prendi una persona che ti porta per mano vuol dire che la vita è facile. Ti piace vincere facile”.

    “È una bella iniziativa quella degli ambasciatori della musica napoletana. Il primo è stato attribuito a Gigi D’Alessio in un anno per lui importante con il traguardo dei 30 anni di carriera e lo straordinario concerto di piazza Plebiscito. Un riconoscimento assolutamente meritato”. Così il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi a margine della consegna all’artista napoletano del premio ‘Napoli Città della Musica’.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, scoperto arsenale da guerra al rione Moscarella

    Armi da guerra trovate sopra un tetto di un garage, all'interno di una borsa sportiva: le hanno scoperte i carabinieri intorno ai palazzi del quartiere Moscarella di Castellammare di Stabia, tra i quali spiccano gli edifici popolari del lotto 4, situati al centro di un triangolo scaleno delimitato da due strade statali e viale della Repubblica. L'operazione è stata portata a termine dai carabinieri della sezione operativa stabiese. Nascosto tra l'erba alta, l'edera e i...

    ‘Greta la matta’, uno spettacolo per tutta la famiglia, in scena al Nest

    Tratto da “Greta la Matta” di Carll Cneut e Geert De Kockere, in scena sabato 2 marzo (ore 21) e domenica 3 marzo (ore 18). I bambini potranno assistere allo spettacolo gratuitamente. Una creazione collettiva di Massimiliano Burini, Matteo Svolacchia e Giulia Zeetti. In scena Chiara Mancini, Debora Renzi e Andrea Volpi. Questa è la storia della piccola Greta, che viene chiamata Greta la dolce, la carina, la particolare, la strana, la diversa... la matta. La...

    Riqualificazione della Galleria Ottocentesca sotto l’Acropoli di Velia

    Una galleria ferroviaria ottocentesca, situata a sessanta metri sotto l'acropoli di Velia, presto diventerà un deposito accessibile ai visitatori grazie a un progetto di riqualificazione. Il direttore del Parco archeologico di Paestum e Velia, Tiziana D'Angelo, ha spiegato che la galleria, un tempo in uso per collegare Battipaglia a Reggio, è stata trasformata in deposito per reperti archeologici rinvenuti nella zona. Tuttavia, a causa di problemi di accessibilità e conservazione del patrimonio, era necessario intervenire. Con...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE