google news

Intossicati dalla mandragora: i carabinieri ritirano verdura dall’area flegrea

Otto persone intossicate tra Pozzuoli e Quarto, al lavoro anche i Nas 

    Intossicati dalla mandragora: i carabinieri ritirano verdura dall’area flegrea. Dieci persone intossicate tra Pozzuoli e Quarto, al lavoro anche i Nas.

    Appartengono a tre famiglie diverse le 10 persone intossicate dopo aver consumato mandragora nei comuni flegrei e ricoverate all’ospedale di Pozzuoli. Una e’ in prognosi riservata. E’ il bilancio tracciato al momento dall’Asl Napoli 2 Nord. Allucinazioni e problemi gastrointestinali i sintomi rilevati

    . La stessa Asl ha allertato i pronti soccorso del territorio per eventuali arrivi di altri intossicati. Suoi tecnici della prevenzione sono in giro con Nas e Carabinieri di Pozzuoli per eventuali ritiri di verdura a scopo precauzionale. Quella finora sequestrata e’ verdura sfusa, quindi per quella confezionata non ci sono stati problemi.

    I Carabinieri stanno ritirando a scopo precauzionale da alcuni fruttivendoli e market alimentari di Pozzuoli e Quarto, in provincia di Napoli, alcune partite di verdura dopo il caso dell’intossicazione da mandragora.

    Al lavoro i Carabinieri della compagnia di Pozzuoli ed i Nas. Al momento, gli intossicati sono 8. E non si esclude che lo scambio sia avvenuto in una sorta di mercato nero dove i prodotti costano di meno. Potrebbe invece essersi trattato di un errore commesso all’inizio della filiera, al mercato all’ingrosso, visto che il prodotto e’ stato poi acquistato da diversi acquirenti.

    Secondo quanto appurato da ‘Nessuno tocchi Ippocrate’, il gruppo Fb che raccoglie operatori sanitari della provincia di Napoli, sono 5 le persone che sono ricoverate in ospedale a Pozzuoli, 4 residenti a Monte di Procida ed una a Quarto, ricoverate al Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli per sospetta intossicazione da Mandragora.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: A Pozzuoli avvelenamento da verdura: 8 persone in ospedale

    L’incidente pare sia dovuto alla somiglianza di questa pianta con i comuni spinaci, “errore di qualche fruttivendolo locale?”. L’invito, rivolto agli abitanti di Bacoli, Monte di Procida, Monteruscello, Quarto e Pozzuoli, è quello di “evitare di mangiare spinaci e bietole comprate nei giorni scorsi”.

     

    google news

    ULTIME NOTIZIE

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    CRONACHE TV