Napoli, muore davanti all’ospedale senza pronto soccorso: aperta un’indagine

Una donna di 53 anni di Afragola è morta davanti all'ingresso dell'ospedale San Giovanni Bosco

google news

Napoli. La polizia, su indicazione della Procura di Napoli, ha sequestrato la salma di una donna di 53 anni morta ieri davanti all’ospedale San Giovanni Bosco in circostanze ancora da chiarire del tutto.

La donna aveva perso i sensi a casa e il marito intorno alle 22 l’ha portata da Afragola all’ospedale della zona Nord di Napoli, convinto che ci fosse ancora il pronto soccorso. Quando e’ arrivato ha trovato chiuso, perche’ l’ospedale non ha piu’ il presidio di pronto intervento.

Durante la pandemia la struttura e’ stata convertita infatti in Covid hospital, e poi ha ripreso a funzionare con prestazioni sanitarie ordinarie da aprile del 2022. Ma il pronto soccorso, riferimento per tutta la popolosa zona Nord della citta’ e della provincia, non e’ stato ancora riaperto.

LEGGI ANCHE  Tifosi del Verona guerrafondai: striscione invita a lanciare missili su Napoli

E’ arrivata cosi’ un’ambulanza del 118, ma, nonostante l’intervento tempestivo, per la cinquantatreenne non c’e’ stato nulla da fare. Il marito ha chiamato la polizia che ha poi sequestrato la salma e la cartella stilata dagli operatori sanitari di emergenza.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Rispondi

Leggi anche

Maltempo in Campania scuole chiuse in molti comuni

Anche ad Afragola, Giugliano, nei comuni dell'isola d'Ischia e molti dell'Agro Nocerino le scuole resteranno chiuse domani

Allerta meteo Campania: domani piogge e temporali

La Protezione Civile della Regione Campania, ha emanato un avviso di allerta meteo di colore arancione

Agente della Polstrada accusato di violenza sessuale: chiesti 9 anni di carcere

Un agente della polizia stradale della Campania  è sotto processo perché avrebbe abusato sessualmente di due automobiliste alla presenza dei figli minori: la Procura...

Softlab Marcianise, Marino (Ugl): ‘Dal Tavolo di crisi al MISE non arrivano risposte convincenti’

La protesta di Luigi Marino della Segreteria Nazionale Ugl Metalmeccanici sulla vertenza Softlab Marcianise

IN PRIMO PIANO

Pubblicita