Marcianise, ragazzini distruggono condotta idrica per gioco

SULLO STESSO ARGOMENTO

Marcianise. Alcuni baby vandali hanno danneggiato una condotta dell’acqua in via Ariosto, nelle “venelle” di Marcianise. È stato bruciato a rimosso un tappo che ha provocato la fuoriuscita d’acqua con una cascata alta alcuni metri.

Sul posto sono giunti Il Consorzio Idrico e i Vigili del Fuoco per bloccare la perdita. La polizia municipale è intervenuta per recuperare il tubo vandalizzato e per visionare le telecamere in zona al fine di identificare i teppisti.

Come riferito dal sindaco Antonello Velardi il guasto in via Ariosto è stato riparato in breve tempo e gli autori dell’atto vandalico sono stati individuati e denunciati. Sono due ragazzi minorenni di Marcianise. Sono stati convocati a tarda ora al comando della Polizia municipale, in compagnia dei genitori.



    “Un grande grazie al Consorzio Idrico e ai Vigili del Fuoco. E un grazie particolare alla Municipale che, con un’indagine a tamburo, ha individuato e denunciato i teppisti. Straordinaria efficienza: bravi davvero! Ora i genitori dei due dovranno rimborsate i danni provocati”. ha reso noto il primo cittadino.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    L’Orientale Napoli lancia un nuovo canale WhatsApp

    L'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" ha inaugurato il suo canale ufficiale su WhatsApp, diventando uno dei primi Atenei italiani a farlo. Questo canale sarà dedicato alla condivisione di iniziative aperte a tutti, non solo agli studenti, e di tutte le novità legate alle attività accademiche dell'istituto. Gli iscritti potranno interagire e commentare utilizzando le classiche reazioni ed emoji, con il vantaggio che il numero di telefono non sarà visibile al proprietario del canale, garantendo così...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono persone imparentate con i capi del clan Contini-Bosti, la potente organizzazione criminale della zona, fondatrice dell'Alleanza di Secondigliano Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile, dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale. Sono state accertate 17 occupazioni abusive di alloggi popolari. In alcuni casi, gli appartamenti erano stati occupati da parenti...

    Avellino, maltratta la mamma per soldi: arrestato 28enne

    Un uomo di 28 anni proveniente da Pietrastornina, in provincia di Avellino, è stato fermato dai carabinieri della locale stazione per aver ripetutamente maltrattato sua madre e aver cercato di estorcerle denaro. Dopo la separazione dalla moglie, il giovane era tornato a vivere con la madre, che è stata costretta a vivere un incubo costante. Finalmente, la donna ha denunciato il figlio ai carabinieri, riuscendo così a liberarsi dalla situazione difficile. Il sospettato è stato accusato...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE