Catania, direttrice di una casa di riposo arrestata per maltrattamenti agli anziani

SULLO STESSO ARGOMENTO

Catania. La Polizia di Stato, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Catania, nei confronti di una 62enne indagata per il reato di ‘maltrattamenti aggravati dal fatto di essere stati commessi nei confronti di anziani o di persone con disabilità’ all’interno di una struttura sociosanitaria sita in un comune dell’hinterland etneo.

L’indagine, condotta dai poliziotti della Squadra Mobile – “Sezione III Reati contro la persona, in danno di minori e reati sessuali” – che ha consentito al pubblico ministero di richiedere ed ottenere il provvedimento restrittivo in argomento, scaturisce da una denuncia sporta da un familiare di un ospite della Rsa che aveva avuto modo di riscontrare maltrattamenti ai danni di un congiunto al quale i sanitari del pronto soccorso di un ospedale catanese avevano diagnosticato una “frattura vertebrale”, guaribile in 30 giorni.

I successivi approfondimenti investigativi, coordinati dal pool specializzato della Procura, hanno consentito di verificare che la donna, con il ruolo di direttrice all’interno della struttura socio-sanitaria, oltre ad aver maltrattato la vittima, avrebbe posto in essere condotte similari nei confronti di altri anziani.

    Dalle investigazioni è emerso che l’indagata avrebbe colpito con schiaffi e spintoni gli ospiti, ricorrendo ad ingiurie, umiliazioni gratuite e finanche alla violenza fisica e allorché qualche anziano ospite, alloggiato nella struttura, osava disubbidire alle regole sarebbe stato punito con il divieto di pranzare con gli altri o gli sarebbe stato imposto di rimanere a letto, senza colazione.

    In sostanza, con la sua condotta, l’indagata avrebbe generato uno stato di prostrazione, soggezione e sofferenza nelle persone affidate alle sue cure, particolarmente vulnerabili per età ed anche per la circostanza di essere lontane dai propri familiari. In un’occasione, dopo che un’anziana faceva ingresso nella cucina della struttura, dirigendosi al lavabo per bere un po’ di acqua, l’indagata avrebbe incominciato a raccogliere con entrambe le mani, usate a mo’ di contenitore, l’acqua corrente, e per ben due volte avrebbe versato l’acqua, nel frattempo accumulatasi, sulla testa dell’ospite, urlandole contro frasi del seguente tenore “tu sei nata maleducata, tu dici che sei signora, ma non sei stata mai signora tu…Mai!” ed ancora “io ne ho viste femmine maleducate, ma non come a te? C’è il Signore che ci pensa, magari ci pensasse il Signore! Io maleducate ne ho viste, ma non come a te (?) hai tutte le forme di un animale tu… tutte precise, hai tutte le forme di un animale”.

    La 62enne è stata sottoposta agli arresti domiciliari.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Pagani, sequestrata una fabbrica che riproduceva illegalmente prodotti della SSC Napoli

    Un ingente quantitativo di merce contraffatta sequestrata, tre lavoratori in nero denunciati Nell'ambito dell'intensificazione delle attività di contrasto alla contraffazione, la Guardia di Finanza di...

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

    A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE