Torre Annunziata, controlli dei carabinieri: due arresti per spaccio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Torre Annunziata, controlli dei carabinieri: due arresti per spaccio. Identificate 57 persone

A finire in manette Nunzio Panella, classe ’54, in esecuzione di un provvedimento emesso dalla Corte di Appello di Napoli. L’uomo è stato sottoposto ala misura dei domiciliari e dovrà scontare 3 anni e 6 mesi di reclusione per spaccio di stupefacenti. Inoltre due giovani di origine rom sono stati denunciati per concorso in furto aggravato. Avrebbero rubato il marsupio del parroco di una chiesa in Via Nolana a Pompei.

Durante il servizio sono state identificate 57 persone e passati al setaccio 23 veicoli.

    I controlli continueranno anche nei prossimi giorni. I carabinieri della sezione operativa di Castello di Cisterna, invece, hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio Erasmo Mercogliano, 39enne di Camposano già noto alle forze dell’ordine. Durante una perquisizione è stato trovato in possesso di 24 dosi di crack e 10 di cocaina.

    In tasca anche 180 euro in contante ritenuto provento illecito. Mercogliano è ora ai domiciliari, in attesa di giudizio.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Sparatoria Milano: ai domiciliari il trapper Shiva

    Decisione del gip, indagato anche per rissa a San Benedetto

    Lumache giganti vive in valigia: sequestro in aeroporto a Napoli durante controllo a nigeriano

    Durante un controllo nell'aeroporto di Capodichino a Napoli, i funzionari dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli hanno individuato un cittadino nigeriano proveniente dal Benin...

    Al Museo-FRaC Baronissi presentazione del libro ‘Poetiche Impertinenze’, di Rossella Nicolò e Giancarlo Cav...

    Venerdì 23 febbraio alle ore 18:30, nel Salone della conferenze del Museo-FRaC Baronissi, sarà presentato il libro di Rossella Nicolò e Giancarlo Cavallo POETICHE...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE