Napoli, controlli nella “movida”: multe a Chiaia e ai Quartieri Spagnoli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Ieri, nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”, gli agenti dei Commissariati San Ferdinando, Decumani, Montecalvario e Vomero, i finanzieri del Comando Provinciale di Napoli e personale del servizio autonomo della Polizia Locale del Comune di Napoli, con il supporto del Reparto Mobile di Napoli, hanno effettuato controlli in zona Chiaia, al centro storico, nei Quartieri Spagnoli e al Vomero.

Nel corso dell’attività gli agenti del Commissariato San Ferdinando, nelle vie Chiaia, Carducci, Alabardieri, vicoletto Belledonne a Chiaia e in piazza dei Martiri, hanno identificato 10 persone e controllato 4 esercizi commerciali, tre dei quali sanzionati per aver violato le prescrizioni del nulla osta di impatto acustico ed uno per aver violato l’ordinanza sindacale poiché aperto oltre l’orario consentito.

Gli agenti del Commissariato Decumani nel centro storico, ed in particolare nelle piazze San Domenico Maggiore e Bellini, in piazzetta Nilo, nelle vie Mezzocannone e Costantinopoli, in largo Banchi Nuovi e largo San Giovanni Maggiore, hanno identificato 23 persone e controllato 4 esercizi commerciali.

    Ancora, nei Quartieri Spagnoli, in via Toledo, corso Vittorio Emanuele e in largo Berlinguer, gli operatori hanno identificato 41 persone, controllato 5 locali commerciali, contestato 10 violazioni del Codice della Strada per divieto di sosta e rimosso 6 veicoli per divieto di sosta.

    Infine, gli agenti del Commissariato Vomero hanno effettuato controlli a San Martino, nelle vie Falcone, Scarlatti e Giordano e nelle piazze Vanvitelli e Medaglie D’Oro dove hanno identificato 46 persone, di cui 3 con precedenti di polizia, controllato 4 esercizi commerciali, contestato 21 violazioni del Codice della Strada per sosta vietata e rimosso un veicolo per divieto di sosta.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE