Furbetti del cartellino al Loreto Mare, chiesta la condanne per 84 persone

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Furbetti del cartellino: chieste le condanne per 84 tra infermieri, medici e amministrativi dell’ospedale Loreto Mare accusati di truffa.

Stamane requisitoria del sostituto procuratore di Napoli Ida Frongillo, davanti al giudice monocratico della prima sezione penale del tribunale partenopeo nell’ambito del processo ai presunti assenteisti in servizio all’ospedale Loreto Mare. Il magistrato ha richiesto al giudice alcune assoluzioni e pene da i due anni e i nove mesi di reclusione, riconoscendo le attenuanti generiche e la sospensione condizionale della pena per tutte le persone coinvolte.

Alla requisitoria ha fatto seguito l’arringa dell’avvocato Gennaro De Falco, legale dell’Asl Napoli 1 Centro, il quale “ha ribadito l’assenza di intenti persecutori nei confronti delle persone coinvolte nel processo ma anche sottolineato che i fatti contestati, se confermati in toto o anche solo in parte, hanno comunque generato un rilevante danno per l’ente”.

    La prossima udienza è stata fissata a settembre, mentre il prossimo 20 luglio, davanti a un altro giudice della stessa sezione penale, è prevista la requisitoria del pubblico ministero per le due residue posizione stralciate, che riguardano due medici.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Processo per usura a Napoli: vittima un imprenditore in difficoltà durante la pandemia

    NAPOLI - È iniziato questa mattina, davanti al Giudice dell'udienza preliminare della 42esima sezione del Tribunale di Napoli, il processo a sei persone accusate di usura ai danni di un imprenditore del quartiere Soccavo. La vittima, Salvatore Fiore, all'epoca dei fatti referente del Partito Democratico locale, si era trovata in...

    Violenze in carcere, un teste ritratta: “Mai pestato dagli agenti”

    Interrogato dai carabinieri dopo i pestaggi del 6 aprile 2020 nel carcere di Santa Maria Capua Vetere , Antonio Zerillo aveva inizialmente denunciato le botte subite. Tuttavia, oggi in aula, il detenuto, attualmente recluso nello stesso carcere, ha ritrattato ogni accusa, provocando la reazione del pm e rischiando un'incriminazione per...

    CRONACA NAPOLI