Pizza, le associazioni: “Anche a Napoli dovrebbe costare di più”

SULLO STESSO ARGOMENTO

”A Napoli purtroppo la pizza non si puo’ vendere a 13-15 euro, e’ piu’ difficile, anche se dovrebbe essere cosi’ perche’ Napoli e’ la patria della pizza e qui si dovrebbe vendere piu’ cara che altrove ma ci si adegua al mercato cittadino”.

A parlare e’ Antonio Pace, presidente Associazione Verace Pizza Napoletana, in occasione dell’audizione congiunta delle Commissioni consiliari permanenti regionali Lavoro e Attivita’ produttive ed Agricoltura convocate a seguito delle polemiche degli ultimi giorni relative al costo della pizza in alcuni noti locali del nord. In audizione presenti anche i rappresentanti dell’Associazione Pizzaiuoli napoletani e del Pizza Village.

Secondo Pace, le polemiche hanno focalizzato l’attenzione su ”un falso problema e il caso e’ stato creato ad hoc per fare pubblicita”’ ed ha aggiunto: ”Al Nord hanno costi diversi, piu’ alti. Non parliamo del costo del prodotto che e’ assolutamente ininfluente rispetto al prezzo di vendita. E’ necessario parlare di tutto il contorno, dei costi accessori che al Sud sono piu’ bassi fatta eccezione per la manodopera il cui contratto e’ nazionale”.

    E proprio rispetto alla tendenza a ritenere che a Napoli e al Sud i contratti di lavoro non siano applicati a regola d’arte, Pace ha affermato: ”E’ assurdo, i contratti si applicano a Napoli come in altri posti, ma come a Napoli a volte si deroga questo accade anche altrove perche’ non tutti sono buoni e non tutti sono cattivi. Ritengo che ognuno nella sua azienda, rispettando tutte le regole, deve riuscire a creare un prezzo di vendita, ma molte volte non c’e’ la capacita’ di calcolare un giusto prezzo di vendita avendo ben presenti tutti i costi e dunque qualcuno vende un po’ in perdita senza rendersene conto”.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    LEGGI ANCHE

    Giallo sulla spiaggia di Capaccio: resti di un piede umano trovati da un turista

    Giallo a Capaccio Paestum, dove ieri mattina sulla spiaggia di Licinella, è stato fatto il macabro ritrovamento di resti ossei in riva al mare. Un turista tedesco, mentre passeggiava sulla battigia con il proprio cane, ha scoperto parte della tibia destra e un piede, molto probabilmente appartenenti a un uomo. E' scattato subito l'allarme e l'arrivo dei carabinieri della sezione scientifica che hanno prelevato il pezzo di piede. È difficile stabilire da quanto tempo i resti...

    Napoli, arrestato il borseggiatore di Capodimonte

    I Carabinieri della stazione Napoli Capodimonte hanno arrestato un uomo di 50 anni, Salvatore Caso, per tentato furto con destrezza, minacce aggravate e resistenza a pubblico ufficiale. L'arresto è avvenuto ieri pomeriggio nel quartiere San Carlo Arena, durante un servizio mirato al contrasto dei furti in autobus.I militari, in borghese, stavano controllando la linea 204 quando hanno notato Caso che tentava di rubare il portafogli a un anziano. Sorpreso in flagranza di reato, l'uomo ha minacciato...

    Circumvesuviana, arrivano i vigilantes e oggi riunione in Prefettura sulla sicurezza

    L'EAV ha mantenuto la promessa di inviare vigilantes al passaggio a livello di via Crapolla, a Pompei,  teatro di quattro raid vandalici in meno di un mese. Il Prefetto di Napoli ha convocato per oggi alle 12,30 un comitato per l'ordine pubblico per la sicurezza in Circumvesuviana. "Sono atti gravissimi, fenomeni che preoccupano, per l'incolumità e la sicurezza dei passeggeri", ha spiegato il prefetto Di Bari. Le indagini della Procura di Torre Annunziata procedono speditamente.Si ipotizza...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE