‘Roots on the Beach : Secondo tempo’ al Lido Varca d’Oro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo l’esplosiva domenica di fine maggio vissuta in spiaggia a ritmo giamaicano, ritorna al Lido Varca d’Oro di Varcaturo il party Roots on the Beach : Secondo tempo.

L’appuntamento per domenica 26 giugno è sempre al tramonto (dalle 19) per sentire sulla pelle e nei muscoli il battito e l’energia della musica dancehall-reggae-dub.

A pochi metri al mare, il sole cala e il vortice sonoro si impenna sul palco del Livingston Sunset grazie alla complicità fra Marcello Coleman e Broncorotto, cui si aggiungeranno due special guest: Nicola Caso e Valerio Jovine, affiancati da un paio di dj.

    Un progetto in cui crede tanto Salvatore Trinchillo, manager della struttura balneare, con la direzione artistica di Giulio Montella per Michelemmà Rewind. A guidare la cerimonia sarà appunto Marcello Coleman on the riddim, pronto a eseguire i classici Acqua Santa, Babylon Will Fall, Rena nera e Social è nu loop.

    A seguire, Broncorotto, band che include Baco (voce), Alessio Sica (batteria), Enzo Salerno (basso), Dionisio Gulfo (chitarra), Alfredo Apicella (sax), Antonio Bignatelli (tromba), Andrea Bonetti (tastiera / mc) e Raffaele Columbo (dubmaster).

    Spetta poi alle guest Caso e Jovine portare la dose di euforia per rendere la festa piena e rotonda.

    E chissà che il motto Roots on the Beach non diventi una sorta di matrice costante e periodica. Si sa, le buone vibes hanno sempre generato sorrisi e salute. E quindi guai a dimenticare il jukebox di Bob Marley: che sia “Zion Train” o “Exodus”. Prima, e al termine del live, in consolle le selezioni audaci e rétro del dj Enzo Casella.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE