Afragola, Raffaele Balsamo ucciso per motivi personali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Afragola. C’è la pista passionale dietro l’omicidio di Raffaele Balsamo, il rapinatore 38enne ucciso l’altra notte in via Caracciolo.

La vittima conosceva il suo killer: gli ha aperto la porta. Pensava fosse una visita, i due hanno chiacchierato. Era sull’uscio, non ha oltrepassato il confine della porta d’ingresso, perche’ avendo il braccialetto elettronico rischiava una violazione dei domiciliari. Per questo gli inquirenti sono convinti che Balsamo non temeva di finire ucciso.

Il killer d’improvviso ha estratto una pistola e ha fatto fuoco due volte: Balsamo ha cercato di difendersi. Non a caso il primo proiettile lo ha ferito all’avambraccio destro perché lo ha alzato di scatto per difendersi, il secondo invece lo ha concentrato poco sotto l’ascella destra, causandogli la rottura dell’arteria polmonare che nel giro di pochi minuti ne ha causato la morte per dissanguamento.

    E mentre il killer si è dileguato velocemente forse con la complicità di qualcuno che lo aspettava in strada la compagna che era in casa è accorsa in aiuto di Balsamo chiamando i soccorsi. Ma quando è arrivata l’ambulanza i medici non hanno potuto fare altro che constatarne la morte.

    Sul posto i carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di Castello di Cisterna, quelli della compagnia di Casoria diretta dal maggiore Diego Miggiano e della locale caserma diretta dal luogotenente Raimondo Semprevivo. Terminati i primi rilievi, il pubblico ministero Francesco Cirillo della Procura di Napoli Nord.

    L’ ipotesi che Balsamo conosceva l’assassino e che non si aspettava affatto di essere ucciso e’ rafforzata dal fatto che non aveva frequentazioni con uomini legati alla camorra. Per questo la pista di indagine privilegiata e’ quella di un movente personale, addirittura passionale perché i due si contendevano la stessa donna. Ma c’è anche l’ipotesi di una lite per il  bottino di una rapina non distribuito secondo i patti.

    I carabinieri hanno ascoltato persone piu’ vicine alla vittima, tra cui la compagna che era in casa con lui, e stanno acquisendo le immagini delle telecamere presenti nella zona.

    Dall’analisi di quei video potrebbero emergere particolari importanti rispetto alla dinamica e, soprattutto, all’identita’ del responsabile dell’omicidio.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Anche per i due maggiorenni degli stupri a Caivano si farà il processo immediato

    Il gip del Tribunale di Napoli Nord ha disposto il giudizio immediato per i due maggiorenni coinvolti negli stupri delle due cuginette di 10...

    Napoli, lancia borsello con la droga dalla finestra: arrestata incensurata

    E' accaduto a San Pietro a Patierno dove è finita in manette una donna di 26 anni

    Messaggi in rete: “Borrelli è grave”, ma è una Fake news. Il deputato: “Sto benissimo”

    La diffusione di un messaggio vocale da una chat all'altra nel pomeriggio di oggi ha generato preoccupazione. Una voce maschile annunciava che il deputato napoletano...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE