Napoli, a Castel dell’Ovo turisti accolti dal canto della sirena Parthenope

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. La sirena Parthenope e’ tornata ad abitare Castel dell’Ovo, sull’isolotto di Megaride, nel luogo in cui si e’ trasformata in divinita’ e corpo della citta’ di NAPOLI. La sirena si presenta sotto forma di ologramma e con il suo canto accoglie i visitatori coniugando la tradizione del mito con l’innovazione tecnologica.

”E’ un progetto che mette insieme tradizione e innovazione – ha detto il sindaco, Gaetano Manfredi – e che propone le nostre radici attraverso l’uso di nuove tecnologie. E’ una fruizione molto rivolta ai giovani ma che rappresenta anche un’attrattiva per i turisti. E’ una chiave di lettura di una NAPOLI del futuro che si trasforma ma senza dimenticare il suo grande patrimonio identitario”.

La sirena digitale e’ un prototipo di un’artista interattiva che, sotto forma di ologramma, interpreta il repertorio della canzone classica napoletana in lingua originale, in inglese e in cinese mandarino. In particolare la sirena interpreta ‘Malafemmena’ e ‘Reginella’. La voce della sirena e’ dell’artista Francesca Fariello e gli arrangiamenti musicali sono di Raffaele Lopez.

    Il progetto nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento di Scienze sociali dell’Universita’ Federico II e l’ICAR-CNR, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di NAPOLI, il Centro di produzione Rai e il MANN ed e’ una dimostrazione del progetto REMIAN (Reti musei intelligenti ad alta multimedialita’) del distretto DATABENC, finanziato dalla Regione Campania.

    ”La sirena digitale e’ un’opera postmoderna – ha spiegato Lello Savonardo, tra i coordinatori scientifici del progetto con Luigi Gallo – che sposa innovazione e tradizione partendo dal patrimonio artistico immateriale della canzone classica napoletana. La sirena diventa cosi’ strumento di richiamo per i turisti valorizzando la tradizione con un occhio al futuro grazie alle tecnologie”.

    La missione del progetto e’ individuare nuove modalita’ digitali e interattive di promozione e fruizione internazionale del patrimonio culturale, artistico e musicale partenopeo tra tradizione e innovazione. L’accessibilita’ e la user experience di sirena digitale sono state progettate per consentire un facile utilizzo indipendentemente da eta’ e nazionalita’ del fruitore sia in modalita’ di installazione musicale, con un’interfaccia gestuale aptica, che in modalita’ portabile attraverso un’App per dispositivi mobili grazie alla quale e’ possibile diffondere su vasta scala il messaggio della sirena olografica utilizzando una piccola piramide come mezzo di proiezione.


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Gaetano Di Vaio: da ribelle a protagonista del riscatto napoletano

    Napoli. Una vita da romanzo, tra dannazione e riscatto,...

    DALLA HOME

    Gaetano Di Vaio: da ribelle a protagonista del riscatto napoletano

    Napoli. Una vita da romanzo, tra dannazione e riscatto, spenta a soli 56 anni. Gaetano Di Vaio, produttore, attore, sceneggiatore e figura chiave del cinema napoletano degli ultimi vent'anni, si è spento dopo un grave incidente in scooter avvenuto la scorsa settimana. Nato a Piscinola, quartiere difficile di Napoli, Di...

    In Campania allarme scommesse: la diffusione tra i giovani

    Il primo posto per il gioco online in Italia è della Campania, che nel 2022 ha visto i cittadini spendere 10 milioni e 482.000 euro, pari a 1.874 euro a testa. Inoltre, la Campania è la prima regione italiana per conti online di gioco aperti, con oltre tre milioni di...

    CRONACA NAPOLI

    TI POTREBBE INTERESSARE