Camorra, ricostruita la faida tra i Rega e gli Esposito-Palermo di Brusciano: 17 arresti. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Camorra, ricostruita la faida tra il clan Rega e gli Esposito-Palermo di Brusciano: 17 arresti.

Nel corso della notte, in Napoli, Agrigento, Biella, Terni e Santamaria Capua Vetere, militari della Compagnia di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione ad una misura cautelare di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica-Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 17 indagati (4 in libertà, 11 già detenuti in carcere e 2 già agli arresti domiciliari per altra causa).

Sono tutti gravemente indiziati, in concorso tra loro ed a vario titolo, di associazione di tipo mafioso finalizzata alla ricettazione, detenzione e porto illegale di armi ed esplosivi e tentato omicidio ed associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

    L’attività investigativa, svolta congiuntamente dalla Sezione Operativa della Compagnia di Castello di Cisterna e dalle Stazioni di Brusciano e Marigliano sotto la guida della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo Partenopeo, dal dicembre 2017 al dicembre 2020, ha consentito di una serie di avvenimento criminosi tra Brusciano e i comuni vicini.

    In particolare l’operatività dei due clan camorristici: quello dei Rega e degli Esposito-Palermo in contrasto tra loro per la gestione di alcune piazze di spaccio ricadenti nei locali quartieri di edilizia popolare “ex Legge 219/81”;

    Ma anche di ricostruire, il ferimento di Fabio Equabile avvenuto a Brusciano il 3 dicembre del 2017 e ad opera di un commando armato composto da più persone-

    Ma anche il ferimento di Vincenzo Turboli, avvenuto il 20 dicembre dello stesso anno. Nella circostanza, inoltre, rimaneva altresì ferito accidentalmente, anche il padre di un militare dell’Arma in forza alla Sezione Operativa della Compagnia di Castello di Cisterna.

    L’indagini ha potuto ricostruire l’esistenza di stabili strutture organizzative, ai cui vertici si ponevano, in maniera contrapposta, da un lato ì Francesco Palermo e, dall’altro Tommaso Rega alias “O’ Chirichiello” (tra i destinatari dalla misura), in entrambi i casi dedite alle estorsioni, agli attentati dinamitardi, ai reati contro la persona, in materia di armi ed al traffico di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti di varia natura, poi commercializzati all’interno delle locali “piazze di spaccio”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE