Brucellosi, allevatori al ministro Speranza: “Fermare gli abbattimenti”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Oltre 120mila bufale abbattute per un sospetto in virtu’ del principio di precauzione, senza che sia stato in alcun modo preso in considerazione l’altro principio del benessere animale.

Cosi’ al sesto giorno di sciopero della fame, gli allevatori bufalini casertani riuniti nel coordinamento unitario si rivolgono direttamente al Ministro della Salute Roberto Speranza, che qualche giorno fa in Parlamento ha affermato che le bufale positive alla brucellosi e alla tbc vanno abbattute senza se e senza ma.

“Su questo Speranza ha ragione, ma chi stabilisce chi sono gli animali positivi, visto che c’e’ un regolamento comunitario che parla di mettere insieme vari mezzi di prova e soprattutto di isolare l’agente patogeno per certificare la presenza della malattia e decidere di abbattere il capo, mentre in Campania accade il contrario, con animali abbattuti sulla base di un sospetto non verificato, che si scopre poi negativi da analisi post mortem” spiega nel corso di una conferenza stampa al centro don Milani di Casal di Principe, cuore della protesta, il portavoce del coordinamento Gianni Fabbris, promotore dello sciopero della fame che sta facendo di persona affiancato ogni 24 ore da un “compagno” diverso;

    ieri e’ stato Francesco Geremia, segretario generale di Cna (Confederazione nazionale artigianato) Campania Nord, oggi presente a fianco a Fabbris; da stasera sara’ l’ex direttore del Consorzio di tutela della mozzarella di bufala campana dop Antonio Lucisano ad affiancare Fabbris.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Pietramelara, urta scooter e causa lesioni al conducente: 57enne denunciato

    Durante la serata del 19 febbraio, un 57enne di Pietramelara (Caserta) è stato denunciato dai carabinieri per lesioni personali stradali in seguito all'urto laterale...

    Marigliano, rifiuti abusivi scoperti in un’area agricola

    È stato scoperto un deposito di rifiuti abusivo in un locale appartenente a una società locale, situato in un'area agricola senza concessione e in...

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE