Napoli, controlli nella movida: bar di Mezzocannone serviva alcol a minori

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Ieri, nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”, gli agenti dei Commissariati Decumani e Montecalvario, i finanzieri del Comando Provinciale di Napoli, personale del servizio autonomo della Polizia Locale del Comune di Napoli, con il supporto del Reparto Mobile, hanno effettuato controlli al centro storico e nei Quartieri Spagnoli.

Nel corso dell’attività gli agenti del Commissariato Decumani nel centro storico ed in particolare in piazza San Domenico Maggiore, piazzetta Nilo, via Duomo, piazza San Giovanni Maggiore a Pignatelli, largo Banchi Nuovi, via Mezzocannone, via Costantinopoli e in piazza Bellini hanno identificato 119 persone e controllato 7 esercizi commerciali; in particolare, il titolare di un bar in via Mezzocannone è stato denunciato per aver somministrato bevande alcoliche a quattro minori tra i 14 e 16 anni.

Infine, i poliziotti del Commissariato Montecalvario nei Quartieri Spagnoli, in via Toledo e largo Berlinguer hanno identificato 48 persone, controllato 10 locali commerciali, contestato 13 violazioni del Codice della Strada per sosta vietata e rimosso 5 veicoli in divieto di sosta.




LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

Marigliano, picchia il dirigente Asl che rifiuta di cambiargli il medico di base

A Marigliano, un uomo di 67 anni è stato denunciato dai carabinieri per aver reagito in modo violento al rifiuto di cambio del medico...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE