Caserta, liberi il ras Mario Romano e il capo della piazza di spaccio di Arienzo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Caserta. Il Giudice D’ Angelo di Santa Maria Capua Vetere, accogliendo la tesi dell’avvocato Vittorio Fucci, ha rimesso in piena libertà il ras Mario Romano e  Pasquale Crisci, rispettivamente di San felice a Cancello e di Arienzo.

I due furono arrestati nel maxi-blitz avvenuto su ordinanza del gip di Santa Maria Capua Vetere, la scorsa settimana e accusati di detenzione e di spaccio aggravato di sostanze stupefacenti, attraverso la gestione dello spaccio tra la Valle Caudina e la Valle di Suessola che avveniva sotto l’ egida del boss Gennaro Morgillo.

Le indagini erano assistite da intercettazioni telefoniche ed ambientali captate tra il 2018 e il 2019. Le contestazione degli investigatori, inoltre, erano rafforzate dalle dichiarazioni di qualche imputato, che hanno deciso di collaborare con la giustizia. Dalle indagini risulterebbe che i due avevano il ruolo di comprimari del boss Gennaro Morgillo.

    Il Romano, risulta essere il braccio destro, oltre che nipote, di Gennaro Morgillo, mentre Crisci il suo referente ad Arienzo. Emergerebbe inoltre come il Romano, nipote del boss Morgillo, aveva un ruolo apicale nella gestione del traffico della droga tra la Valle Caudina e la Valle di Suessola, e che il Crisci, con il placet di Morgillo, gestiva la piazza di spaccio di Arienzo, della quale era a capo.

    La difesa dei due, rappresentata dall’ avvocato Vittorio Fucci, ha prodotto una serie di documenti e di investigazioni difensive per smontare la tesi accusatoria che hanno portato ai loro frutti.

    I due furono scarcerati nel mese di ottobre dal Tribunale del Riesame che accolse clamorosamente la richiesta dell’ avvocato Vittorio Fucci e gli fu applicato solo l’ obbligo di dimora.

    Il Gip, poi, oggi accogliendo l’ istanza presentata dall’ avvocato Vittorio Fucci, ha revocato l’ ultima misura a carico di Mario Romano e Pasquale Crisci e li ha rimessi in piena libertà, revocandogli anche l’ obbligo di dimora.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui


    telegram

    Napoli, quel “pasticciaccio brutto” della libreria Mondadori

    È durata meno di un giorno l'apertura al pubblico della nuova libreria Mondadori di Napoli, la più grande del capoluogo partenopeo e tra le più grandi d'Italia con i suoi 1.120 metri quadrati. Inaugurata ieri con grande entusiasmo, la libreria ha dovuto chiudere i battenti oggi stesso a causa di...

    Mare di Coroglio e Nisida inquinato: sversamento dal collettore fognario, il Parco della Gaiola denuncia

    Un'ennesima macchia marrone e maleodorante galleggia nel mare tra Coroglio e Nisida, a causa di uno sversamento dal collettore fognario locale. L'eccesso di acqua da un acquazzone ha causato il sovraccarico del troppopieno della vasca di trattamento, riversando i liquami in mare senza depurazione. Si tratta di un problema ricorrente, già...

    CRONACA NAPOLI