Castello di Cisterna, droga shop lungo la strada intitolata a Totò: preso pusher

SULLO STESSO ARGOMENTO

Castello di Cisterna, droga shop lungo la strada intitolata a Totò. Pusher 28enne arrestato dai Carabinieri

Ancora droga, ancora un arresto dei Carabinieri della Sezione operativa di Castello di Cisterna.Questa volta a finire in manette è Wilson Cervone, 28enne di Marigliano già noto alle forze dell’ordine. I militari lo hanno controllato in Via Antonio De Curtis, dove il cemento del complesso “ex legge 219” prevale sulle chiazze di colore giallo e rosso di alcuni terrazzini.

Addosso aveva droga, di tre varietà differenti. Molte dosi: 60 di crack, 14 di marikuana e 9 di hashish. E nelle tasche, piegata in uno spesso mazzetto di banconote di piccolo taglio la somma di 830 euro, provento evidente di una fiorente attività illecita.

    Cervone è stato arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio e poi sottoposto ai domiciliari, in attesa di giudizio.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

    È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    “Giustizia per Fulvio”: la madre e l’Università di Napoli chiedono verità

    "Giustizia per Fulvio" è il grido che unisce la madre di Fulvio Filace, Rosaria Corsaro, e l'Università Federico II di Napoli, dove il giovane...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE