soresa
Pubblicitasoresa

Mamma salvata insieme con il suo bambino al Moscati di Avellino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Rischiava di perdere il bambino che aveva in grembo con serie conseguenze per la sua stessa vita una donna di 38 anni di Avellino ricoverata in fase iniziale di travaglio nel reparto di ostetricia e ginecologia dell’Azienda ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino.

La donna, cinque giorni dopo, e’ tornata a casa in ottime condizioni insieme al suo secondogenito. Il caso presentava impegnative difficolta’ a causa della placenta che aderiva all’interno delle pareti dell’utero fino ad intaccare la vescica. Grazie all’intervento multidisciplinare che ha coinvolto il ginecologo, l’ostetrica, il radiologo interventista e l’urologo, il caso e’ stato trattato in maniera eccellente, salvando anche l’utero e la vescica della donna.

“La collaborazione tra professionisti delle diverse discipline -spiega Elisiario Struzziero, primario di ostetricia e ginecologia- ha reso possibile un piccolo miracolo. Sono pochi i centri in Italia in cui si effettuano interventi di questa portata: simultaneamente, far nascere il bambino, eseguire l’embolizzazione per evitare emorragie e salvaguardare utero e vescica con trattamenti conservativi mentre i dati scientifici restituiscono un’alta percentuale di morbilita’-mortalita’ materno-fetale e di isterectomie causate dall’anomala inserzione placentare”


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui



LEGGI ANCHE

Incendio nella nuova trattoria Nennella: inaugurazione rinviata

Nennella ha trovato spazio nelle più note guide alla buona cucina, per un menu saldamente ancorato alla tradizione partenopea. Si spera ora che l'apertura della nuova sede possa avvenire nei prossimi giorni, e comunque entro le feste di Natale

IN PRIMO PIANO