Casavatore, proteste contro il caro Tari

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casavatore, proteste contro il caro Tari: centinaia di persone al gazebo del comitato ‘Equitari’

di Luigi Vanacore 

Un movimento civico ideato e voluto da Giuseppe Cifinelli. Il chiosco, allestito a Piazza Di Nocera, ha registrato nella giornata di ieri mattina la visita e relativa sottoscrizione di circa trecento persone che in queste settimane si sono viste recapitare le cosiddette “bollette pazze” con importi alle stelle per gli anni dal 2015 al 2021.

    A gettare nello sconforto i contribuenti – ha evidenziato Cifinelli nei giorni scorsi – e a rendere tutto più complicato, un’ulteriore omissione: la mancata adozione della tariffa c.d. “binomia” che prevede, cioè, una parte fissa di importo contenuto, solitamente applicata a questo tipo di immobili, e una variabile legata al numero di occupanti l’abitazione principale.

    Al gazebo però, non sarebbero mancate le polemiche: nessuna distanza di sicurezza, nessun gel disinfettante per le mani e alcuni presenti senza la mascherina di sicurezza.

    A destare ulteriore scalpore, la presenza degli ex consiglieri comunali Antonio Riccardi e Nadia Silva (ex presidente del consiglio comunale) finita al centro di polemiche anche nel comune di Melito e revocata in appena due giorni dalla nomina di assessore in quanto citata negli atti dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche del comune di Casavatore.

    Ma l’imbarazzo, al netto degli scioglimenti. è rappresentato dal fatto che i due esponenti politici hanno fatto parte dell’amministrazione che ha propinato il “papocchio” delle cartelle pazze. E vederli protestare in piazza contro i loro stessi atti appare alquanto discutibile e confusionario anche rispetto ad un alinea di coerenza politica.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

    Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE