Farsa giudice sportivo: sconfitta a tavolino Salernitana e -1

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il giudice sportivo di serie A ha iniziato la prima farsa rispetto alle gare non disputate causa covid.

Infatti la Salernitana perde per 3-0 a tavolino la partita contro l’Udinese non disputata lo scorso 21 dicembre (in casa dei friulani) e deve scontare anche un punto di penalizzazione nella stagione in corso.

Nel ricorso presentato dai campani, si invocava “la causa di forza maggiore” dopo lo stop imposto dall’Asl locale ma secondo il Giudice sportivo la societa’ non avrebbe “messo in opera, fin dal momento della scelta iniziale della modalita’ di trasferimento (volo di linea in luogo del charter, in violazione delle raccomandazioni del Protocollo federale) tutte le cautele che, nel rispetto dei Protocolli e secondo i criteri dell’ordinaria diligenza, le avrebbero consentito la trasferta in ‘bolla’ e in sicurezza del gruppo squadra, isolate le accertate positivita’, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie generali e specifiche per il settore”.



    In sostanza, la Salernitana secondo il Giudice “non puo’ trarre beneficio esimente, ai fini ‘sportivi’, dal provvedimento interdittivo dell’Azienda sanitaria (‘factum principis’), la cui genesi non l’ha vista porsi come soggetto del tutto neutrale destinato a subire solo gli effetti del suo sopravvenire”.

    Da qui l’applicazione delle sanzioni previste dall’articolo 53 NOIF per la mancata disputa della partita: 0-3 a tavolino e punto di penalizzazione.

    Intanto ancora un calciatore positivo nel gruppo squadra della Salernitana. Lo ha comunicato la società granata con una nota pubblicata sul sito ufficiale, senza specificare il nome del contagiato. I componenti della squadra attualmente positivi sono sette: anche nel derby di Napoli, dunque, i granata dovranno fare i conti con l’emergenza.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE