Salvatore Capone ucciso nella notte a Napoli era l’autista del boss del rione Lauro

SULLO STESSO ARGOMENTO

Salvatore Capone ucciso nella notte di Capodanno a Napoli, faceva da autista e da scorta armata dei boss del gruppo criminale del rione Lauro.

E il suo omicidio secondo gli inquirenti si inquadra nella guerra di camorra scoppiata da mesi e culminata con l’agguato dell’antivigilia di Natale al boss di Fuorigrotta, Vitale Troncone, ancora ricoverato in gravi condizioni in ospedale.

L’uomo ucciso questo notte a Napoli era vicino al gruppo Cesi che è egemone nella zona a ridosso dello stadio Maradona, in contato con gli Esposito e con i Licciardi.



    L’agguato è avvenuto alle 3 di questa mattina, e secondo gli investigatori rappresenta la risposta all’agguato al capoclan Vitale Troncone. Capone era molto vicino al boss Massimiliano Esposito, ‘o scugnato, del quartiere di Bagnoli tanto che durante la sua latitanza era lui che ne gestiva il cellulare per le comunicazioni urgenti.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Camorra, subito scarcerato figlio del boss Troncone

    Gli investigatori hanno effettuato una serie di perquisizioni nella notte e hanno sentito a sommarie informazioni i familiari del pregiudicato ucciso. Si sta cercando di capire cosa ci facesse in strada a quell’ora e se ci fossero altre persone con lui oltre agli assassini.

    E’ probabile che si sta attirato in una trappola: qualcuno deve avergli dato un appuntamento e per questo che gli investigatori oltre a cercare elementi utili alle indagini dalla visione delle telecamere pubbliche e private nella zona, stanno anche analizzando con attenzione il traffico del telefono cellulare di Salvatore Capone.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Camorra, ferito a morte il boss di Fuorigrotta, Vitale Troncone

    E intanto da stanotte la zona di Fuorigrotta è ripiombata nell’incubo di una cruenta faida di camorra.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA







    LEGGI ANCHE

    Giornata mondiale delle malattie rare. Aimo: oltre 900 quelle oculari, cheratocono la più diffusa

    Colpite ogni anno 50 persone ogni 100mnila, in prevalenza giovani. Legata a fattori genetici ma anche a comportamenti errati come stropicciamento occhi in allergici

    Teatro Bolivar: per la rassegna ‘Piccole storie di eroi’, in scena ‘Pierrot Napoliter’

    Continua, con il terzo dei quattro spettacoli, la rassegna #Familyhero, a cura di Martina Zaccaro, pensata per tutta la famiglia. Il Teatro Bolivar, via Bartolomeo Caracciolo 30, diretto da Nu’Tracks, ospiterà sabato 2 marzo alle ore 17.00 la rassegna teatrale "Piccole storie di eroi" a cura di Martina Zaccaro. Lo spettacolo offerto dalla Compagnia Poster - Popolare d’Avanguardia, intitolato "Pierrot Napoliter", è parte del programma educativo per le famiglie denominato "FamilyHero". Tratto liberamente dal celebre film...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo look di tendenza e i suoi outfit alla moda nel carcere di Pozzuoli. Giuseppina Valda è stata infatti arrestata dal personale della Squadra Mobile e del Commissariato San Giovanni – Barra che ha eseguito un'ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere. La misura degli arresti in carcere sostituisce la precedente...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE