Il trading online consiste nella compravendita dei principali prodotti finanziari (azioni, ETF, ecc.) tramite una piattaforme di trading online regolamentata. I principianti spesso hanno difficoltà a capire come funziona il mercato e, di conseguenza, non si sentono mai pronti a fare il grande passo.

In realtà, i progressi tecnologici nell’industria finanziaria hanno abbassato la barriera d’ingresso al trading online. Ora, chiunque abbia una connessione ad Internet può iniziare ad investire online con una comprensione base di come funziona il mercato e con un capitale da investire basso.

Il web è ormai pieno di piattaforme online adatte ai principianti (ibroker.it/TradingView), con apposite sezioni dedicate alla formazione e con la possibilità di essere testate tramite account Demo gratuito.

Tipologie di Trading Online

La prima cosa da fare è quella di capire in cosa si desidera fare trading online. Ecco qui un elenco dei principali prodotti finanziari:

 

  • Trading di azioni: Il trading di azioni consiste nell’acquisto, nella detenzione e nella vendita di titoli quotati su Borse pubbliche come il NASDAQ o il NYSE.
  • Forex trading: Il Forex trading (noto anche come FX trading o trading valutario) è l’arte di acquistare e vendere valute nella speranza di realizzare profitti sulla differenza di valore di tali valute nel panorama economico globale.
  • Trading di opzioni e futures: Il trading di opzioni è una forma di negoziazione di derivati in cui le persone negoziano contratti che danno loro i diritti (ma non l’obbligo) di acquistare o vendere un’attività sottostante ad un prezzo predeterminato. I futures, a differenza delle opzioni, richiedono che la transazione avvenga ad una data predeterminata.

Sui migliori broker potrete inoltre investire anche in CFD, ETF ed altri asset.

Come iniziare a fare Trading Online

Dopo aver compreso in quali prodotti è possibile investire, per fare trading online, è necessario:

  1. Scegliere un broker online regolamentato (come ad esempio iBroker)
  2. Stabilire un budget
  3. Studiare una strategia
  4. Testare la strategia sull’account Demo
  5. Depositare l’importo minimo stabilito dal broker
  6. Investire sui mercati reali

Il broker scelto avrà un’influenza diretta sul tipo di prodotti che sarete in grado di commerciare, il tipo di strumenti di trading che avrete a vostra disposizione e quanti soldi pagherete in commissioni. È necessario trovare un broker che sia facile da utilizzare e con commissioni relativamente basse, pur fornendo una suite completa di risorse.

Alcuni broker senza scrupoli tendono a rendere il loro processo di trading poco trasparente, confuso, e complesso con il solo fine di ottenere maggiori commissioni e costi di transazione.

Infine, non sottovalutate la strategia. Nessun trader può permettersi di sottovalutare l’importanza di una buona strategia di trading. Un piano di trading aiuta a prendere decisioni logiche anche nei momenti di rapido movimento del mercato, quando le emozioni potrebbero portare a prendere decisioni avventate.

La vostra strategia di trading dovrebbe includere la vostra asset allocation ed una buona diversificazione, un principiante infatti non dovrebbe avere più del 5% del capitale di trading su una singola operazione.

 



Le baby-gang napoletane pronte ai fuocarazzi di Sant’Antonio

Notizia precedente

Covid, troppe visite rimandate per malati rari e disabili gravissimi

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..