Il P.M., Dott.ssa Donatella #Palumbo, aveva chiesto le condanne: anni 3 e mesi 2 di reclusione ed Euro 5 mila di multa per Antonio D’Onofrio; anni 3 e mesi 8 di reclusione ed Euro 8 mila di multa per Francesco Rosario D’Onofrio; anni 3 e mesi 4 di reclusione ed Euro 6 mila di multa per Francesco D’Onofrio.




Si è tenuta stamattina l’udienza conclusiva del processo a carico di Antonio D’Onofrio di anni 40, di Paolisi, del padre e del fratello, Francesco D’Onofrio, di Paolisi, e Francesco Rosario D’Onofrio, di Sant’Agata de’ Goti, noti imprenditori, rispettivamente di anni 71 e di anni 35, proprietari dell’“Hotel Samnium Resort”, imputati dei reati, a vario titolo, di aggravata, danneggiamento, furto e calunnia, in relazione alla vicenda della vendita dell’ex “Caseificio Vassallo”, difesi dagli avvocati Sergio Rando, Vittorio Fucci e Giuseppe Saccone.

Come si ricorderà, i D’Onofrio furono sottoposti a misure cautelari, perché ritenuti presuntivamente responsabili dei reati, a vario titolo, di aggravata, danneggiamento, furto e calunnia ai danni di un imprenditore e della moglie del figlio.

Il P.M., Dott.ssa Donatella Palumbo, aveva chiesto le condanne: anni 3 e mesi 2 di reclusione ed Euro 5 mila di multa per Antonio D’Onofrio; anni 3 e mesi 8 di reclusione ed Euro 8 mila di multa per Francesco Rosario D’Onofrio; anni 3 e mesi 4 di reclusione ed Euro 6 mila di multa per Francesco D’Onofrio.

All’esito del dibattimento il Collegio, composto dai magistrati Fallarino Presidente, Telaro e Nuzzo giudici a latere, accogliendo le tesi dei difensori, ha assolto gli imputati dai reati loro ascritti infliggendo la sola pena di anni due di reclusione con sospensione della stessa per il presunto reato di calunnia nei confronti di Francesco D’Onofrio e Francesco Rosario D’Onofrio, assolti da tutti gli altri capi d’imputazione relativi alle contestazioni di estorsione, furto, danneggiamento ed altro. L’Avvocato Antonio D’Onofrio è stato, invece, assolto da tutti i capi d’imputazione.



Battipaglia, 250 giubbotti catarifrangenti donati ai lavoratori immigrati

Notizia precedente

Napoli, alto impatto a Secondigliano: denunce e sequestri

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..