Al Teatro Politeama riparte la rassegna ConfiniAperti

Al Teatro Politeama di Napoli ‘Sorry, Boys -dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze’. Riparte la rassegna ConfiniAperti.

confiniaperti
ConfiniAperti, Teatro Politeama/foto web

Il 17 dicembre 2021 alle ore 21.00 al Teatro Politeama di Napoli con Sorry, Boys – dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze di e con Marta Cuscunà riparte ConfiniAperti 2021/2022 rassegna che rinnova il sodalizio tra il Teatro Politeama/Teatro Augusteo e Teatri Associati di Napoli/Teatro Area Nord, evento che dà il via all’intera programmazione del Teatro Area Nord.

La pièce è ispirata a fatti realmente accaduti. Nella scuola superiore di Gloucester c’erano 18 ragazze incinte – un numero 4 volte sopra la media – e non per tutte sembrava essere stato un incidente.

Alcune delle ragazze avrebbero pianificato insieme la loro gravidanza, come parte di un patto segreto, per allevare i bambini in una specie di comune femminile. Quando il preside della scuola ne parla su un quotidiano nazionale, scoppia una vera e propria tempesta mediatica e la vita privata delle 18 ragazze diventa uno scandalo che imbarazza tutta la comunità di Gloucester.

Le fonti a cui attinge la Cuscunà sono i documentari The Gloucester 18 in cui si dà voce ad alcune di quelle ragazze, lontano dai riflettori dello scandalo e una di loro confessa di aver voluto creare un piccolo mondo nuovo e una nuova famiglia tutta sua, dopo aver assistito a un terribile femminicidio.

Ed un altro documentario, Breaking our silence, in cui il capo della polizia di Gloucester rivela come non passasse letteralmente giorno senza che il suo dipartimento ricevesse una segnalazione di violenza maschile in famiglia. I dati che fornisce sono impressionanti: 380 chiamate per violenza domestica in un anno (più di una al giorno) e 179 arresti. In una cittadina di 30.000 abitanti. Ma quello che è davvero interessante è che il documentario racconta di come questa situazione avesse spinto 500 uomini a organizzare una marcia nelle strade della cittadina per sensibilizzare la comunità al problema.

L’idea che sta alla base di Sorry, boys è che a Gloucester, la contestualità tra il patto delle 18 ragazze e la marcia degli uomini, non sia stata solo una coincidenza e che tutto ciò abbia a che fare con il modello di mascolinità che la società impone.

Nel nero della scena, due schiere di teste mozze. Appese. Da una parte gli adulti. I genitori, il preside, l’infermiera della scuola. Dall’altra i giovani maschi, i padri adolescenti. Sono tutti appesi come trofei di caccia, tutti inchiodati con le spalle al muro da una vicenda che li ha trovati impreparati. Potranno sforzarsi di capire le ragioni di un patto di maternità tra adolescenti, ma resteranno sempre con le spalle al muro.

In occasione di questo spettacolo nel foyer del Teatro Politeama sarà distribuito materiale informativo sull’intera stagione teatrale ConfiniAperti – Teatro Area Nord 2021/2022