Avanti a tutta forza in #Campania con le terze dosi, ma senza aprire nuovi hub o prolungare gli orari come fa il Lazio annunciando vaccinazioni by night.




Avanti a tutta forza in con le terze dosi, ma senza aprire nuovi o prolungare gli orari come fa il Lazio annunciando vaccinazioni by night. Mentre si registra un deciso balzo in avanti dei ricoveri (in 24 ore i posti letto occupati in intensiva crescono di 7 unita’, quelli in degenza di 23) aumenta anche la preoccupazione per lo zoccolo duro del milione di campani che continua a rifiutare l’immunizzazione, mentre crescono le segnalazioni di code e lunghe attese per ricevere i vaccini visto il gran numero di persone che si presenta per i booster.

La Campania, che in altre occasioni si era resa protagonista di anticipi rispetto alle decisioni nazionali, sulla terza dose a quattro mesi dalla seconda annuncia invece di adeguarsi alle indicazioni del commissario Figliuolo: si parte il 10 gennaio.

Al momento in regione risultano somministrate circa dieci milioni e trecentomila dosi ma l’applicazione natalizia dei green pass piu’ duri non ha fatto crescere, come si sperava, il numero delle prime dosi, in media 400 al giorno. Intanto sale la protesta per avere “una soluzione alle code enormi per la terza dose, alle attese sotto la pioggia e al nervosismo imperante che sfocia in alcuni casi anche in rissa. Bisogna aprire i centri vaccinali H24 su tutto il territorio.

LEGGI ANCHE  Crac Deiulemar, i truffati raccolgono firme a Torre del Greco

Bisogna correre e presto. Si recluti urgentemente il personale necessario e si proceda a vaccinare durante tutta la giornata”, ha detto Antonio Capezzuto, segretario generale Fp Cgil di Salerno. Nel pomeriggio, all’esterno del centro vaccinale del teatro Augusteo di Salerno, lunghe code, disagi ed assembramenti, tensioni che hanno reso necessario l’intervento di quattro pattuglie dei carabinieri. Ma i disagi si sono registrati anche in molti altri centri della provincia.

L’Asl Salerno, attraverso una nota, ha fatto sapere che “e’ al lavoro per dare una risposta adeguata all’enorme afflusso, proprio in queste ore sono arrivate le idoneita’ per immettere in servizio altri dipendenti, che saranno presto attive nei centri vaccinali della provincia” Da Napoli, sul versante dei controlli, arriva invece la protesta di Aldo Maccaroni, presidente dell’associazione Chiaia Night:

“Solo a Chiaia c’e’ stato un dispiegamento delle forze dell’ordine mai visto prima. Ora ci chiediamo se la stessa attenzione sia stata posta in altre zone, come via San Gregorio Armeno, via Toledo, il Vomero e tutte quelle vie dello shopping che a Natale si riempiono di gente”. Infine oggi il Santobono ha fatto partire la vaccinazione per i propri piccoli pazienti tra 5 e 11 anni.


Nello Iorio per la tombola online di Ottaviano

Notizia precedente

Covid: ipotesi riduzione quarantena vaccinati. Figliuolo, scienziati al lavoro

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi