Stalking e violenza domestica, protocollo tra Questura e Mediatori penali

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Stalking e violenza domestica: protocollo per il recupero degli ‘ammoniti’ tra Questura e l’Associazione nazionale dei mediatori penali.

Stamattina, presso la sala Ammaturo della Questura di Napoli, il Questore Alessandro Giuliano e la Presidente dell’Associazione Italiana Mediatori Penali, Mariacristina Ciambrone, hanno siglato un protocollo d’intesa in materia di atti persecutori e violenza domestica.
L’accordo di collaborazione è finalizzato a far intraprendere un percorso di recupero, su base volontaria e gratuita, ai destinatari dei provvedimenti di ammonimento del Questore per atti persecutori e violenza domestica che saranno invitati  presso una delle sedi dell’AiMePe dove un’equipe di lavoro multidisciplinare composta da criminologi, avvocati, psicoterapeuti, educatori e mediatori li aiuterà a modificare il proprio comportamento nelle relazioni affettive attraverso l’acquisizione della consapevolezza del disvalore delle azioni commesse per limitare i casi di recidiva.

Il protocollo contribuirà alla costruzione di un sistema di prevenzione basato su un efficace modello di rete tra tutte le istituzioni quotidianamente impegnate contro la violenza domestica o di genere.






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE