Scafati. della rete scolastica cittadina: il sindacato contro la proposta di delibera della Giunta Salvati che verrà discussa in Regione.

“La proposta di riorganizzazione della rete scolastica del Comune di decisa dalla Giunta del sindaco Salvati con lo smembramento del II Circolo didattico e la riduzione da sette a cinque dei Circoli cittadini è una partita di potere che si gioca  sulla pelle di studenti, e personale scolastico: tutto questo è inaccettabile!. La Flc Cgil è al fianco dei lavoratori e dei genitori”. Lo ha detto Clara Lodomini, segretaria provinciale della Flc Cgil Salerno a proposito della delibera, varata dalla Giunta comunale del sindaco di Cristoforo Salvati che venerdì scorso ha approvato la proposta ufficiale che sarà discussa all’Assessorato regionale all’Istruzione, nell’ambito della riorganizzazione della rete scolastica regionale.

ADS

La Flc Cgil Salerno sta seguendo, da mesi, la vicenda oggetto di discussione e valutazione prima a livello provinciale e poi locale al centro della quale vi sono i destini dei sette Circoli didattici di Scafati. La proposta della Giunta, approvata venerdì che prevede lo smembramento del II Circolo didattico di e la riduzione da sette a cinque dei Circoli cittadini ha di fatto cancellato il percorso fatto in questi mesi.

“La nostra posizione, espressa più volte negli incontri che si sono succeduti in questi mesi è chiara – ha detto la segretaria provinciale Flc Cgil, Clara Lodomini – la riorganizzazione della rete scolastica comunale è necessaria ma questo presupposto non deve essere il pretesto per creare danni e ridimensionamento che vada a scapito dei cittadini e dell’offerta formativa per gli studenti. La perdita di autonomia della Scuola Media di via Martiri d’Ungheria che, nelle previsioni della Giunta dovrebbe essere accorpata al IV Circolo Didattico per la costituzione di un nuovo Istituto Comprensivo e lo smembramento del II Circolo Didattico creerà danni e disagi che si riverseranno sulla platea scolastica e sui cittadini. E non è solo un fatto di campanile per difendere un Circolo piuttosto che un altro, ci sono i numeri e le leggi a supportare questa tesi”.

La segretaria provinciale precisa: “Il II Circolo Didattico è una realtà consolidata con un numero di alunni che supera le 800 unità e il suo smembramento è assolutamente contrario alle previsioni della normativa sul dimensionamento e delle Linee Guida regionali. E’ per questo che, come organizzazione sindacale non capiamo la logica che ha spinto la Giunta Salvati a deliberare, peraltro in tutta fretta, il piano di riorganizzazione della rete scolastica presentato a fine settembre peraltro fuori tempo massimo, ossia dopo il tavolo di confronto istituito dalla Provincia, lo scorso 22 settembre, evitando così che l’ipotesi di riorganizzazione della rete scolastica comunale venisse sottoposta alla valutazione dei partecipanti il tavolo provinciale ed evitando ogni confronto democratico anche con le comunità scolastiche interessate”.

LEGGI ANCHE  Salerno, spari al mercato ittico: assolti l'imprenditore Mauro e altri 3

“In questa delibera di Giunta non si comprende la logica utilizzata per la riorganizzaione e la fretta utilizzata anche a fronte di un altro dato e cioè: la bozza della Legge di Bilancio 2022, all’art. 111, conferma la norma che garantisce alle scuole con soli 500 alunni (a fronte dei 600 normativamente previsti) di conservare l’autonomia. – continua la segretaria provinciale Lodomini -. Sicuramente non un criterio di coerenza territoriale, vista l’attribuzione dei plessi delle scuole dell’infanzia del II,III e IV Circolo di via della Resistenza, al I Circolo che insiste nella parte opposta della città, e neppure un criterio di continuità dell’offerta formativa. Allora è giusto chiedersi se il piano che è stato oggetto di confronto solo tra i dirigenti scolastici e il sindaco, non sia ispirato a logiche di potere volte a favorire alcune istituzioni scolastiche a danno di altre”.

“Noi ribadiamo che le decisioni che attengono alla scuola riguardano l’intera comunità e qualsiasi ipotesi di dimensionamento deve passare attraverso le delibere degli Organi Collegiali delle Scuole interessate – ribadisce Clara Lodomini -. E i Consigli d’Istituto coinvolti hanno provveduto a deliberare in senso contrario.

Queste delibere non possono essere assolutamente ignorate anche perché esprimono valutazioni pensate nel rispetto dei lavoratori, docenti, studenti e genitori”.

“La perdita di autonomia del II Circolo comporterebbe la perdita di almeno tre posti di personale amministrativo, di un Direttore dei servizi e di un Dirigente scolastico. Inoltre, l’eventuale accorpamento del II Circolo Didattico all’IC Falco, nella prospettiva breve, ridurrebbe anche il bacino di utenza della scuola media di via Martiri d’Ungheria e dell’IC Anardi con conseguente riduzione dell’organico di questi istituti.  Sarebbe stato opportuno che la Giunta comunale avesse riflettuto sulla complessità dei problemi prima di deliberare così a ‘cuor leggero’!

Ora la partita si sposta sul tavolo dell’Assessorato regionale all’Istruzione. Qualora la Regione dovesse accogliere la proposta, ingiusta e assurda, approvata dalla Giunta di Scafati, ci sono tutti i presupposti per procedere con un ricorso al TAR avverso la delibera della regione Campania” conclude la segretaria provinciale della Flc Cgil, Clara Lodomini.



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, muore il paziente operato per un tumore alla tiroide

Notizia precedente

Napoli, alto impatto nella movida del Vomero: 200 identificati

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..