La guida #Pasticceri&Pasticcerie 2022 del Gambero Rosso premia come novità dell’anno la Pasticceria Celestina di Pollena Trocchia 






La del premia come novità dell’anno la di Pollena Trocchia

Al maestro Iginio Massari con la Pasticceria Veneto di Brescia, le Tre Torte d’Oro.

Il riconoscimento è assegnato – si legge nelle motivazioni- “perché fin dalla prima edizione della pubblicazione è stato al vertice della della pubblicazione. Da oggi in poi il Maestro è fuori concorso.

“E’ un fuoriclasse”– commentano dalla Città del Gusto. L’annuncio è stato fatto oggi con la presentazione della pubblicazione enogastronomica che segnala 595 locali, 30 novità, 26 Tre Torte (massimo riconoscimento assegnato), 5 premi speciali.

La guida mette al vertice della delle Tre Torte Dalmasso Avigliana (Torino). Il premio speciale per il pasticcere emergente va invece a Piero Ditrizio-Ditrizio Pasticceria (Cagliari), mentre quello per la novità dell’anno va a Pasticceria Celestina- Pollena Trocchia (Napoli].

Il riconoscimento per la migliore pasticceria salata se lo aggiudicano Pasticceria Roberto- Erbusco (Brescia) e d&g Patisserie- Selvazzano Dentro (Padova). Il premio per la pasticceria con il miglior packaging va a Golose Emozioni- San Zenone degli Ezzelini (Treviso). Infine il riconoscimento per la miglior comunicazione digitale è assegnato a Douce (Genova) e a Besuschio- Abbiategrasso (Milano).

La guida fotografa per l’anno 2021 l’impegno dei maestri pasticceri nella panificazione e nei grandi lievitati destagionalizzati, proposti anche in forma di lingotti o bauletti, ma allo stesso si potenzia l’offerta salata con nuovi mix fra cucina e pasticceria con il fine di valorizzare i prodotti locali. Non manca il potenziamento di proposte “facili” replicabili a casa e un’attenzione per le intolleranze. Si moltiplicano i locali che abbracciano la formula del dessert store e pasticcerie pensate e concepite esclusivamente per l’acquisto.



‘Music Creators’: il corso per musicisti di nuova generazione

Notizia precedente

‘Liuto, Luth, Lute, Laute’: un viaggio tra Rinascimento e Barocco

Notizia Successiva



Ti potrebbe interessare..