dante inferno



La Sala delle Carceri di Castel dell’Ovo diventa lo spazio di un’esperienza immersiva con “”, un’animazione tridimensionale delle illustrazioni della Divina Commedia realizzate da Gustave Doré nel XIX secolo, un ciclo di incisioni che costituiscono tuttora la più potente e immaginifica rappresentazione visiva del capolavoro dantesco.

Il lavoro artistico è ideato e realizzato graficamente da Giulio Fazio, che ha curato anche regia e musica insieme a Massimiliano Sacchi. “Dante Inferno” è una produzione dell’associazione culturale Giano Bifronte presieduta da Paolo Nappi. “Dante Inferno” è realizzato con il patrocinio del Comune di Napoli.

ADS

Dal 27 novembre al 31 dicembre, dalle 10 alle 18, il visitatore sarà condotto in un viaggio tra immagini, parola e suoni forti. Ogni singola tavola diviene una scena animata e si riempie di colore, dando vita a una narrazione intensa in cui i tanti personaggi e le ambientazioni assumono una consistenza di raro spessore.

I versi di uno dei più grandi poemi della letteratura di tutti i tempi si rifrangono nella fantasia visionaria di un grande pittore, accompagnati da una colonna sonora contemporanea che unisce un discorso orchestrale al sound design con un risultato di una riattualizzazione inedita e di estrema immediatezza narrativa.

Il testo dell’opera è costituito interamente da una selezione di versi della Divina Commedia: diversi attori prestano la propria voce alla moltitudine dei personaggi che Dante e Virgilio incontrano nel corso del loro viaggio agli inferi. La storia si snoda seguendo la stessa cronologia dell’opera letteraria.

LEGGI ANCHE  Giugliano, costringe la moglie a prostituirsi e la picchia: arrestato 41enne

La Voce di Dante è di Paolo Cresta, quella di Virgilio è di Antonio D’Avino, la voce di Francesca è di Barbara De Dominicis, la voce di Ciacco e dei dannati è di Gianni Caputo, la voce di Caronte, Pier della Vigna, Ser Brunetto è di Manuel Di Martino, la voce di Beatrice è di Fabrizia Sacchi.



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

Natale a Ravello: Toni Servillo, Alessandro Preziosi e Lisette Oropesa

Notizia precedente

Il Premio Bianca d’Aponte torna in tour

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..