HomeCronacaGiugliano, salvo il cucciolo dato alle fiamme

Giugliano, salvo il cucciolo dato alle fiamme

LNDC Animal Protection denuncia: "Chi lo ha fatto è una persona pericolosa per tutti, animali e esseri umani". Al cane dato alle fiamme a Giugliano è stato dato il nome di Gigghen
google news

Giugliano. Nei giorni scorsi un cucciolo randagio, a cui è stato dato il nome di Gigghen, è stato salvato da quella che sarebbe stata sicuramente una fine orribile. Come se non fosse sufficiente averlo legato a un palo, infatti, alcuni criminali gli hanno dato fuoco.

Fortunatamente alcuni passanti sono subito intervenuti e hanno allertato dei volontari che sono giunti sul posto, hanno soccorso il povero cane e lo hanno ricoverato presso una clinica veterinaria, dove è stato medicato e curato. L’unica buona notizia di questa vicenda è che il cucciolo non sarebbe in pericolo di vita, anche se ha riportato gravi ustioni in diversi punti del corpo. L’episodio è stato commentato anche dal consigliere regionale Borrelli, che ha condannato duramente il gesto e ha auspicato che le indagini portino a risalire agli autori di tanta crudeltà.

“Non c’è pace per gli animali nel nostro Paese- commenta Piera Rosati, Presidente LNDC Animal Protection- Le sevizie nei loro confronti sono ormai all’ordine del giorno e i randagi sono purtroppo i soggetti più esposti alla pericolosità di certi esseri disumani. Da anni è stata dimostrato che questi gesti non sono ‘bravate’ o ‘ragazzate’ ma veri e propri campanelli d’allarme che caratterizzano persone sociopatiche e pericolose. Non devono assolutamente essere sottovalutati dalle istituzioni e per questo anche il nostro team legale si è attivato per denunciare questo ennesimo caso, in modo da poter seguire da vicino la vicenda.”

“Come già fatto dal consigliere regionale Borrelli, mi auguro che vengano condotte indagini serie e raccolte testimonianze affidabili per poter dare un nome e un volto a chi ha compiuto un’azione così crudele e gratuita. In primis per dare giustizia a questo povero cucciolo, che porterà nell’anima delle cicatrici ben più marcate di quelle che gli rimarranno comunque sul corpo, ma anche perché i responsabili di questa crudeltà devono essere assolutamente identificati e attenzionati affinché non nuociano più ad altri animali o a persone”, continua Rosati.

“Faccio i miei migliori auguri alla vittima di tanta violenza, nella speranza che possa guarire rapidamente e buttarsi alle spalle questa drammatica esperienza, trovando al più presto delle persone che vogliano accoglierlo come vero e proprio membro della loro famiglia, dandogli quella sicurezza e quell’affetto che finora gli è purtroppo mancato”, conclude Rosati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:A Giugliano un cane legato ad un palo e dato alle fiamme

“Gigghen è, oggi, il simbolo della parte debole della società, perché che ci piaccia o no, non siamo gli unici a vivere su questa terra, e rispettare il prossimo, tutelando i più deboli e indifesi è un nostro dovere etico imprescindibile”, ha invece spiegato la dottoressa Rita De Falco, una delle titolari dalla clinica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Bilancia fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 5 luglio è quello della Bilancia   Ariete Pappa e ciccia con il partner, il weekend concluso solo ieri mattina all’alba...

Allarme De Luca: “Centinaia medici positivi a Covid, problemi negli ospedali”

"Il personale sanitario è in buona parte positivo al Covid. Quindi manca la presenza dei medici negli ospedali già oggi. Abbiamo centinaia di positivi"....

Capri, recuperata la salma del turista americano scomparso

Sono durate quasi 10 ore a Capri le operazioni di recupero del corpo senza vita del turista americano Adam Gabriel Kreysar. Era arrivato sabato...

Napoli, Cirica (Ospedale Betania): “Basta aggressioni nei Pronto Soccorso, serve monitoraggio”

“Le aggressioni al personale del nostro Pronto Soccorso, come a quelli di altri presidi dell’area metropolitana di Napoli non si contano più. C’è un’escalation...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita