Maxi certificati bianchi: nell’ambito dell’inchiesta nel settore energetico, condotta dalla di Aosta, gli investigatori hanno scoperto che a capo del raggiro vi fossero un gruppo della provincia di Torino.

“Dalle indagini svolte e’ emerso in modo inequivocabile – scrive il giudice nell’ordinanza di misura cautelare – il meccanismo truffaldino posto in essere dagli indagati sfruttando le falle del sistema legislativo dell’incentivazione del risparmio energetico globale”. L’organizzazione era divisa in gruppi che agivano in Piemonte, Campania e Puglia. Ai vertici – secondo gli inquirenti – c’erano Greco, Schiavone, Insinga e Sapere considerati “promotori/organizzatori” nel contesto associativo criminale.

ADS

Il gip Francesca Firrao ha disposto la misura cautelare nei confronti di: Nirvano Bricchi, 53 anni, di Manerbio (Brescia); Benedetta Calabrese (30), di Nocera Superiore (Salerno); Marco Cardone (40), di Barletta (Bari); Antonio Di Lollo (55), di San Ferdinando in Puglia (Foggia); Andrea Di Leo (36), residente a Budapest (Ungheria); Giovanni Faranda (59), di San Maurizio Canavese (Torino); Roberto Galloro (48), di Ischia (Napoli); Maurizio Greco (49) di Torino; Giovanni Insinga (46), di Chieri (Torino); Mauro Losapio (44), di Trinitapoli (Barletta); Aldo Maria Mancino (36), di Nocera Inferiore (Salerno); Luciano Molino (49), di Napoli; Nicodemo Papandrea (51), di Cirie’ (Torino), Giuseppe Alessandro Salvati (47), di Ottaviano (Napoli); Ilario Sapere (32), di Torino; Massimo Scavone (50), di Venaria Reale (Torino); e Gennaro Vicidomini (36), di Nocera Inferiore (Salerno). Altri cinque arresti sono stati disposti dalle autorita’ tedesche.

LEGGI ANCHE  Napoli ricorda i bambini vittime della shoah, pietre d'inciampo in piazza Carlo III
Maxi certificati bianchi, il Codacons: “Ci costituiremo parte offesa”

Il Codacons si costituira’ parte offesa nell’inchiesta sulla maxi nel settore energetico condotta dalla di Aosta. Inoltre, l’associazione avviera’ un’azione collettiva in favore di tutti i consumatori danneggiati. E’ quanto si legge in una nota del Codacons. “Gli illeciti contestati dalla magistratura avrebbero portato ad un illecito rincaro delle bollette energetiche a danno degli utenti, costretti a pagare fatture piu’ salate a causa dei raggiri messi in atto sul fronte dei certificati di efficienza energetica. Un danno da milioni e milioni di euro per le famiglie”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Maxi truffa certificati bianchi: 22 arresti tra Italia e Germania

@RIPRODUZIONE RISERVATA



Giuseppe Del Gaudio, giornalista professionista dal 1991. Amante del cinema d'azione, sport e della cultura Sud Americana. Il suo motto: "lavorare fa bene, il non lavoro: stanca"

Insigne out per Mosca: problemi al ginocchio destro

Notizia precedente

Napoli, cocaina dal Perù intrisa nei vestiti. IL VIDEO

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..