La nuova stagione del Teatro Lendi

SULLO STESSO ARGOMENTO

È finalmente pronto a riaccogliere il suo pubblico il Teatro Lendi di Sant’Arpino, che annuncia il cartellone 2021/2022 accompagnato dallo slogan stagionale #ricominciamo #viviamo #teatriamo, tre hashtag che sottolineano con chiarezza e passione l’idea di un ritorno alla vita normale suggellato dal piacere di sedersi in platea e di assaporare l’arte e le emozioni del palcoscenico, che fanno bene al corpo e alla mente.

Durante il momento peggiore della pandemia, non mi sono mai arreso per amore del lavoro che ho scelto di fare. A più riprese, ho sostenuto che il teatro sarà d’ora in avanti una medicina naturale, soprattutto dal punto di vista psicologico, per uscire fuori dal tunnel fatto di ansia, disperazione e cattive notizie – afferma Francesco Scarano, direttore del Teatro Lendi – Il nuovo cartellone propone i nomi che, a causa della chiusura delle sale teatrali, non si sono esibiti al Lendi nel 2020 e a questi se ne aggiungono altri di caratura nazionale. Con un sorriso raggiante riapro il sipario e mi impegnerò affinché il progetto di crescita della struttura, iniziato dal sottoscritto più di dieci anni fa, possa riprendere il suo costante cammino“.

La stagione inizierà il 17 novembre con Peppe Barra e proseguirà con Vincenzo Salemme, Paolo Conticini, Maurizio Casagrande, Massimiliano Gallo, Francesca Marini e Massimo Masiello, Giovanni Esposito e Francesco Procopio, Simone Schettino, Lucio Pierri e Ida Rendano.



    Da segnalare, inoltre, il cast, capitanato da Lino D’Angiò e Alan De Luca, di “E che teatro live!”, format di successo nato come programma televisivo proprio nella cornice del Teatro Lendi.

    Il botteghino sarà aperto al pubblico a partire dal 12 ottobre nei seguenti giorni e orari: martedì, mercoledì e venerdì (16:30-20:30), giovedì (09:30- 13:00), sabato (16:00-19:30).







    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE